GP d’Australia: cosa abbiamo imparato dalle FP1 e FP2

Terminata la prima giornata di prove libere a Melbourne, dove abbiamo visto vetture più performanti rispetto allo scorso anno nonostante le semplificazioni aerodinamiche. Vediamo nel dettaglio...

© Mark Thompson/Getty Images

Le monoposto sono più veloci rispetto al 2018. Lewis Hamilton ha ottenuto il miglior tempo di giornata in 1m22.600s, oltre 1,3 secondi più veloce del miglior tempo del venerdì lo scorso anno, nonostante vetture più pesanti. È probabile che in qualifica si migliorerà il record del tracciato.I piloti a metà classifica sono molto vicini, mentre il divario con i team di punta sembra più definito.Come sempre ad Albert Park, si è vista una grande evoluzione della pista tra FP1 e FP2.

Il comportamento dei pneumatici è in linea con quanto previsto: oggi i team hanno provato tutte e tre le mescole con temperature che hanno raggiunto i 24° ambiente e i 42° asfalto.

Le prestazioni delle mescole sono buone: non sono stati riscontrati casi di blistering o graining. Come ci aspettavamo, gli episodi di graining dei test pre-stagione a Barcellona sono spariti con temperature più alte.

Il divario attuale tra medium e soft è di circa 9 decimi al giro, leggermente più ampio rispetto a quanto avevamo calcolato, mentre tra medium e hard ci sono circa sei decimi.

MARIO ISOLA, RESPONSABILE F1 E CAR RACING

Per prima cosa, gli eventi sportivi di questo weekend non hanno molta rilevanza rispetto all’improvvisa scomparsa di Charlie Whiting che lascia un vuoto enorme e impossibile da riempire. Mancherà molto a tutti noi di Pirelli che abbiamo lavorato con lui sin dal nostro arrivo in Formula 1.

Dal punto di vista dei pneumatici, non ci sono molte sorprese dalle prime prove libere di questa stagione, a parte un divario di quasi un secondo tra soft e medium, un po’ più ampio rispetto a quanto ci aspettavamo. Dai primi feedback che abbiamo ricevuto, i team sembrano soddisfatti delle prestazioni complessive delle tre mescole con queste condizioni. Quest’anno per i tifosi sarà più facile distinguere i pneumatici, con tre colori uguali per tutte le gare. Ci aspettiamo molto da questo fine settimana, con il debutto stagionale su un tracciato che storicamente continua ad evolversi nel corso del weekend”.

FP1 – TEMPI

PILOTA TEMPO MESCOLA
Hamilton 1m23.599s SOFT C4 NEW
Vettel 1m23.637s SOFT C4 NEW
Leclerc 1m23.673s SOFT C4 NEW

FP2 – TEMPI

PILOTA TEMPO MESCOLA
Hamilton 1m22.600s SOFT C4 NEW
Bottas 1m22.648s SOFT C4 NEW
Verstappen 1m23.400s SOFT C4 NEW

FP1 – MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA

MESCOLA PILOTA TEMPO
HARD C2 Sainz 1m26.871s
MEDIUM C3 Bottas 1m24.679s
SOFT C4 Hamilton 1m23.599s

FP2 – MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA

MESCOLA PILOTA TIME
HARD C2 Hulkenberg 1m25.071s
MEDIUM C3 Hamilton 1m23.148s
SOFT C4 Hamilton 1m22.600s

STINT PIÙ LUNGHI DELLA GIORNATA

MESCOLA PILOTA LAPS
HARD C2 Leclerc 23
MEDIUM C3 Albon 31
SOFT C4 Hulkenberg 25

STATISTICHE PNEUMATICI DEL GIORNO

HARD MEDIUM SOFT
Km percorsi* 758 2147 3028
Set usati in totale** 8 28 44

PRESSIONI MINIME ALLA PARTENZA (slicks) CAMBER MASSIMO
PRESSURE 22.5 psi (ant.) | 19.5 psi (post.) -3.75° (ant.) | -2.00° (post.) CAMBER