GP Stati Uniti: trionfo di Hamilton davanti a Vettel e Raikkonen, titolo costruttori alla Mercedes

Il Texas si conferma terra di Lewis Hamilton che vince il Gran Premio degli Stati Uniti (5ª vittoria al COTA su 6 edizioni). Nessun problema per il pilota britannico che, a parte la partenza in cui ha perso la leadership per pochi giri, è stato autore di un week-end semplicemente perfetto per lui e per la Mercedes. Quest’ultima, grazie a questa vittoria, si assicura il 4º titolo costruttori consecutivo con 3 gare d’anticipo.

Il rivale dell’inglese Sebastian Vettel chiude 2º dopo una gara in cui ha provato di tutto. Ma nonostante abbia trascorso i primi 6-7 giri in testa, il tedesco della Ferrari non è riuscito a tenere il passo del leader, relegandosi così a fare la gara sugli ‘altri’. Rimane comunque una buona prova da parte di Vettel che però dice del tutto (o quasi) addio anche alle più piccole possibilità di titolo (a Hamilton basta un 5º posto nelle prossime 3 gare).

Doppio podio per la Ferrari con un grande Kimi Raikkonen che ci ritorna con il 3º posto conquistato ai danni di un altrettanto fantastico Max Verstappen che, partito dalla 16a piazza, era riuscito a superare anche lo stesso finlandese all’ultimo giro. Purtroppo il sorpasso è stato effettuato con un taglio curva (4 ruote fuori dalla linea di pista), e ciò ha tolto il podio al giovane olandese della Red Bull. 5º posto problematico per Valtteri Bottas, ritiro invece per Daniel Ricciardo a causa di un guasto al motore della sua RB13 (insieme a lui si uniscono anche Wehrlein, Alonso e Hulkenberg).

Quindi in sesta posizione troviamo la Force India con Esteban Ocon, poi un ottimo Carlos Sainz al 7º posto alla prima con la Renault. 8º Sergio Perez, 9º Felipe Massa con la Williams, Daniil Kvyat torna in Formula 1 con un 10º posto e 1 punto conquistato per la Toro Rosso. Chiude 13º il debuttante Brendon Hartley, la Haas rimane fuori dai punti nel suo GP di casa (14º Grosjean e 16º Magnussen).