GP Ungheria: Vettel torna alla vittoria a Budapest, doppietta Ferrari con Raikkonen 2°!

Prima fila Ferrari al sabato, doppietta Ferrari alla domenica. Si chiude con la vittoria di Sebastian Vettel un week-end perfetto che ha rilanciato moralmente il Cavallino dopo la batosta di Silverstone. 2° un Kimi Raikkonen che ha fatto il ruolo di gregario e che pensiamo, a meno di circostanze eccezzionali, continuerà fino al termine della stagione. Mercedes battute con Valtteri Bottas sul podio e Lewis Hamilton 4°.

Ma non pensate che sia stata una passeggiata: Vettel ha dovuto soffrire metà gara per un problema allo sterzo (uno dei bracci) e non ha potuto andare aggressivo sui cordoli. D’altra parte ci sono stati giochi di squadra nella Mercedes con Bottas che ha lasciato passare Hamilton per permettergli di tentare l’attacco alle 2 rosse di Maranello. Ma alla fine l’inglese non riesce a passargli e proprio all’ultimo giro gli ridà la terza posizione e il podio.

Quinta posizione per Max Verstappen, a seguire la McLaren-Honda di un fantastico Fernando Alonso che regala una grande prestazione in pista con un fantastico sorpasso su Carlos Sainz (7°) e il giro veloce della gara. Ottavo un Sergio Perez autore di un’ottima partenza, poi l’altra Force India di Esteban Ocon e l’altra McLaren di Stoffel Vandoorne con il belga che si prende il primo punto stagionale e con il team che lascia l’ultimo posto nel costruttori a sfavore della Sauber.

Le fasi di partenza vedono subito il ritiro di un grande protagonista. Con le Ferrari che hanno difeso la prima fila dalle Mercedes, le Red Bull nel tentativo di attaccare le Mercedes si scontrano di loro con Max Verstappen che in curva 2 blocca la ruote e centra il radiatore della monoposto di Daniel Ricciardo, costringendolo al ritiro e causando così l’uscita della Safety Car e una penalità di 10 secondi per il pilota olandese. Grande delusione per l’australiano che non ha usato buone parole nei confronti del suo compagno di squadra. Ritiri anche per Romain Grosjean per una vite fissata male sulla gomma posteriore sinistra durante un pit-stop, Paul Di Resta e Nico Hulkenberg.