Hamilton: “Non penso ai 30 punti di vantaggio”

Il campione del mondo in carica Lewis Hamilton è stato tra i piloti convocati alla prima conferenza stampa di Singapore.
Al pilota britannico sono state fatte molte domande, che spaziano dall’andamento della stagione al lifestyle.

A Lewis è stato subito chiesto cosa ne pensa del gioco di squadra della Ferrari e cosa ne pensa di quello Mercedes: “Non so se la mancanza di gioco di squadra in casa Ferrari mi favorisca. Ma questo non ha nulla a che vedere con me e con il mio campionato. Inoltre non capisco come possa semplificarmi le cose. Se Kimi ha aiutato Vettel meno di quanto Bottas non abbia fatto con me? Dipende da molte cose, evidentemente Bottas è stato in grado di aiutarmi più spesso di quanto Raikkonen non abbia fatto con Vettel. Il fatto che loro due possano battagliare non è di alcun aiuto per me: oltre a battagliare con Seb dovrei anche battagliare con Kimi”.

Lewis Hamilton ha poi parlato del vantaggio di cui gode in classifica generale, dove sono ben 30 i punti che lo separano da Vettel: “Il vantaggio di 30 punti? Onestamente non ci penso. Non penso sia necessario cambiare approccio alle gare e lo manterrò più a lungo possibile. Voglio dare il massimo e fare meglio degli ultimi appuntamenti, dove comunque siamo stati fantastici. Sarà dura battere le Ferrari visto le gare difficili che ci attendono”

Infine il portacolori Mercedes ha risposto ad una domanda sul suo stile di vita e sul modo di vivere le pause tra una gara e l’altra: “Mi da molta energia mettere assieme cose diverse. Non è un azzardo nella corsa al titolo mettere assieme diverse cose. Lo faccio sempre, ed i risultati mi danno ragione. Anzi, quest’anno ho viaggiato meno che nelle passate stagioni”.