Horner: “Il rinnovo di Ricciardo è solo una formalità”

La griglia di partenza del campionato di Formula 1 2019 si va delineando e un altro tassello di un top team sta andando a posto.

Daniel Ricciardo è infatti in procinto di rinnovare il contratto che lo legherà alla Red Bull per almeno un’altra stagione. Il rinnovo è previsto per una sola stagione in quanto ancora non si sa dove andrà ad accasarsi Sainz nel 2019.

Un eventuale ritorno dello spagnolo, potrebbe infatti mescolare le carte per i piloti che guideranno la Red Bull nel 2020.

L’australiano, passato in Red Bull nel 2014 dopo 11 gare alla HRT e due anni alla Toro Rosso, per la Red Bull ha vinto sette gare e ha conquistato ventidue podi. Adesso, dopo un lungo tira e molla che ha stuzzicato soprattutto le idee dei tifosi Ferrari, sembra giunto il momento del rinnovo.
Con i piloti della Mercedes ‘blindati’ e quelli della Red Bull ormai vicini alla riconferma, manca solo la Ferrari a dichiarare quali piloti saranno al volante delle Rosse nel 2019.

Mentre si fa sempre più insistente la voce di Charles Leclerc come secondo pilota Ferrari, Horner ha rotto il ghiaccio dichiarando che il rinnovo di Ricciardo è cosa quasi fatta. “Entrambi vogliamo continuare questo rapporto” ha dichiarato Horner. Il manager britannico ha poi proseguito: “Ormai è solo una questione di dettagli e penso che possiamo concludere prima della pausa estiva”.

Christian Horner ha poi proseguito: “Ricciardo avrebbe valutato una seria offerta di Ferrari o Mercedes se fosse arrivata. Nessuno gli avrebbe impedito di farlo, soprattutto visto che il suo contratto è in scadenza. Penso però che Ferrari e Mercedes siano a posto con le loro line up. Daniel vuole giocarsi il titolo mondiale, quindi penso che comunque non sarebbe andato a fare il secondo. La sua più grande perplessità riguardava le power unit ma, ora che abbiamo associato il nome della Red Bull alla Honda, tutto si risolverà presto. Il rinnovo di Ricciardo è ormai una formalità”