La FIA svela il nuovo casco “standard” 2019

© FIA

La FIA ha rivelato un nuovo casco standard che sarà obbligatorio in Formula 1 dalla stagione 2019: l‘ultimo standard offrirà una maggiore sicurezza poiché includerà una protezione balistica avanzata e un maggiore assorbimento di energia.

La parte superiore dell’apertura del visore del casco è stata abbassata di 10 mm per “raggiungere livelli di sicurezza senza precedenti durante l’impatto da detriti”, secondo una dichiarazione della FIA.

La costruzione del guscio utilizza materiali compositi avanzati per garantire resistenza allo schiacciamento e alla penetrazione. Sarà obbligatorio in Formula 1 dal 2019 e in altri campionati poco dopo, ha detto la FIA, nei quali lavorano i produttori di caschi Stilo, Bell Racing, Schuberth e Arai durante la fase di ricerca.

“Gli attuali caschi top-end sono già i più sicuri al mondo, ma il nuovo standard li porterà al livello successivo”, ha dichiarato Laurent Mekies, direttore della sicurezza della FIA. “È importante per tutte le nostre ricerche sulla sicurezza che ci sforziamo continuamente di migliorare ed è per questo che chiediamo a tutti i produttori di soddisfare questo standard più severo per i nostri campionati”.

Con il nuovo standard FIA 8860-2018 tutti i caschi devono resistere ai seguenti test:

– Impatto standard: impatto del casco a 9,5 m / s. La decelerazione di punta sulla “testa del conducente” non deve superare 275 G.

– Impatto a bassa velocità: impatto del casco a 6 m / s. La decelerazione di picco non deve superare 200G con una media massima di 180g.

– Basso impatto laterale: impatto del casco a 8,5 m / s. La decelerazione di picco non deve superare 275G.

– Protezione balistica avanzata: un proiettile metallico da 225 g sparato a 250 km / h. La decelerazione di picco non deve superare 275G.

– Schiacciare: un peso di 10 kg che cade di 5,1 metri sul casco. Test laterali e longitudinali La forza trasmessa non deve superare i 10 kN.

– Penetrazione delle coperture: un dispositivo da 4 kg caduto sul casco a 7,7 m / s.

– Penetrazione della visiera: il fucile ad aria compressa spara 1,2 g di pellet sulla visiera. Il pellet non deve penetrare all’interno del casco.

– Rivestimento della visiera: test del trasmettitore per garantire che la colorazione e la visione non siano significativamente cambiate o distorte.

– Sistema di ritenzione: test di roll-off e test dinamico per garantire la resistenza del cinturino e dei suoi attacchi.

– Impatto lineare della mentoniera: test di impatto con testa piena a 5,5 m / s. La decelerazione di picco non deve superare 275G.

– Chin guard schiacciamento: Hammer colpisce la mentoniera e misura la capacità di mantenere l’impatto lontano dalla testa.

– Resistenza meccanica FHR: test per garantire un’elevata resistenza dei punti di attacco per i sistemi di ritenuta frontale.

– Proiezione e attrito superficiale: test per garantire l’uniformità della superficie del casco e ridurre al minimo l’attrito. La superficie della conchiglia è sottoposta anche al test di durezza BARCOL per la resistenza alla penetrazione.

– Infiammabilità: casco esposto a fiamma di 790 ° C; deve autoestinguersi una volta rimossa la fiamma.