La Force India è favorevole al budget cap

Il direttore operativo della Force India, Otmar Szafnauer, si dice propenso all’inserimento di un budget cap in Formula 1, così come voluto da Liberty Media, azienda proprietaria della F1.

Alla ESPN, Szafnauer ha rilasciato un’intervista in cui spiega il suo punto di vista in merito all’inserimento di questo tetto di spesa.

“Dobbiamo essere molto pragmatici e capire come inserire questo vincolo nel modo corretto: ci sono team che spendono 250 milioni di dollari solo per pagare i salari dei dipendenti, quindi se tagliamo i fondi a loro disposizione dall’oggi al domani, molti tecnici qualificati rimarranno senza lavoro, quindi si deve essere cauti. Personalmente ritengo che 150 milioni di dollari sarebbe un tetto giusto per affrontare un campionato come la Formula 1. 150 milioni sono molto soldi, e sono molti di più di quanti ne servono per affrontare altri campionati automobilistici.”

“Dovremmo essere in grado di fare un ottimo lavoro soprattutto per i fan anche spendendo solo 150 milioni – prosegue il manager – e, nonostante il budget cap, molti di noi spenderebbero comunque meno di quella cifra. Attualmente, alcuni team spendono meno di 100 milioni, quindi il tetto di 150 milioni sarebbe una giusta misura.”

Inoltre, con uno sguardo al di fuori della F1, Szafnauer ha concluso: “Con un tetto di spesa, molto altri costruttori si interesserebbero alla Formula 1 e si avrebbe sicuramente maggiore competitività e maggiore spettacolo.”

Infine, il manager ha concluso analizzando anche le criticità del tetto di spesa: “Molti tecnici potrebbero ritrovarsi senza lavoro ed andare in altri team ma, se si da un giusto preavviso alle squadre, impostando prima un tetto di 250 milioni e abbassandolo periodicamente, potremmo risolvere questo problema senza avere dei tecnici che portano informazioni da un team all’altro”.

L’inserimento del tetto di spesa sembra essere una delle priorità dei nuovi proprietari della Formula 1 e, soprattutto, sembra essere l’unico modo, secondo Ross Brawn per equilibrare le performance.