Leclerc: “Il quinto tempo è colpa mia”

Il monegasco ha fatto segnare quasi un secondo di ritardo da Hamilton, e si dice scontento della sua performance

La prima sessione di qualifiche di questo 2019 è andata in archivio. A dominare, sbriciolando il precedente record della pista, è stato Lewis Hamilton, con il tempo di 1’20”486. Leclerc, su cui molti avrebbero puntato ad occhi chiusi, ha fatto segnare soltanto il quinto tempo, e domani sarà costretto ad una prestazione ‘super’.

Nell’ottica del confronto di squadra però, Leclerc può ritenersi abbastanza soddisfatto, visto che ha pagato solo due decimi e mezzo di ritardo da Vettel. Il dato chiaro è che la SF90 sembra non essere all’altezza della Mercedes nel giro secco, quindi tutte le speranze saranno riposte nella gara di domani: “È un risultato difficile da commentare. Volevamo capire quali fossero i livelli, quindi non ci aspettavamo nulla di particolare. Dal mio punto di vista non sono stato bravo oggi. Ho commesso un errore in Q3, quindi non sono stato all’altezza di quanto fatto vedere in Q1 e Q2. La top3 era possibile, quindi è stata colpa mia, ho sbagliato io”

Leclerc ha poi parlato delle condizioni atmosferiche e dell’orario in cui si svolgono le qualifiche. Orario che, secondo qualcuno, potrebbe favorire alcuni team piuttosto che altri: Le temperature non hanno inciso così tanto. La monoposto era bilanciata abbastanza bene. Non c’è mai nulla di impossibile, questo è sicuro. Quindi domani spingerò al massimo già dalla partenza. Qui è molto difficile superare, quindi servirà partire bene e avere fortuna con la strategia.”

About the Author

Daniele Zindato
Nato 23 anni fa, studente di Marketing e con passione smisurata per i motori e per il motorsport.