Leclerc: “Sappiamo dove migliorare”

Il monegasco ha raccontato le impressioni della prima sessione di guida della stagione e ha spiegato perchè le FP2 sono state poco utili

Charles Leclerc Ferrari SF90

I supporters più accaniti della Ferrari e di Leclerc, probabilmente si sarebbero aspettati un esordio diverso del monegasco, che non ha inciso come ci si aspettava. 

Dopo un’ottima prima sessione di prove libere, in cui è arrivato ad appena 70 millesimi dal campione del mondo in carica, nella seconda sessione non è riuscito ad esprimersi al meglio, risultando soltanto nono alla fine del tempo disponibile.

Giunto quasi a tre decimi da Vettel, Leclerc non ha cercato scuse, spiegando anche perchè le simulazioni di gara non hanno dato i risultati sperati. “È stata una giornata molto intensa – ha dichiarato Leclerc –. Abbiamo provato molte soluzioni diverse e gomme differenti, quindi per alcuni aspetti sono molto soddisfatto”

Leclerc ha poi parlato della FP2, sessione che lo ha visto impegnato con gomme molto dure e, soprattutto, sessione in cui è stato riscontrato un problema proprio al cambio di Leclerc. C’è da dire che i tecnici del cavallino non sono sembrati allarmati dal problema, segno che forse è dipeso da qualche impostazione elettronica. 

“La prima sessione è stata certamente più positiva della seconda – ha proseguito Charles – forse perchè nel pomeriggio c’è stato molto vento e abbiamo faticato a trovare i giusti riferimenti. Crediamo di sapere dove poter migliorare, quindi ci muoveremo in quella direzione. Abbiamo ancora una sessione di prove a disposizione, e la useremo per mettere in pratica le soluzioni che ci saranno suggerite dall’analisi dei dati. Saremo prontissimi per la qualifica!”