Marc Surer: “Alla Ferrari manca il carico aerodinamico”

L’ex-pilota svizzero prova a spiegare i difetti della SF90

Uno dei temi più discussi di questo avvio di stagione della Formula 1 è inevitabilmente il saliscendi di prestazioni della Ferrari. La SF90 non è mai stata costante nelle prestazioni con alti (test Barcellona e Bahrain) e bassi (Melbourne e Shanghai) che, insieme all’affidabilità, stanno minando le speranze mondiale del Cavallino. Marc Surer, ex-pilota svizzero che ha corso in F1 dal 1979 al 1986, analizza i problemi della SF90, che nelle prime 3 gare ha raccolto solo tre terzi posti, andando al di sotto delle attese.

“La Ferrari ha costruito una macchina con meno carico aerodinamico delle altre.”, dichiara l’ex-alfiere di Arrows e Brabham su Autobild. “Questo la consente di essere più veloce in rettilineo, ma anche più lenta nelle curve a bassa-media velocità. Inoltre la Ferrari ha bisogno di alte temperature dell’asfalto o di superfici ruvidi per portare le gomme nella giusta finestra di utilizzo. Così si spiega la loro superiorità nei test Barcellona e in Bahrain e le loro difficoltà a Melbourne e Shanghai, dove le loro gomme avevano poco grip e molto degrado.”

Quindi cosa aspettarsi dal Cavallino Rampante nei prossimi appuntamenti del mondiale? Il parere del 67enne di Arisdorf è il seguente: “Se tra 14 giorni a Baku farà freddo, la Ferrari andrà male. Li ci sono tante curve lente che potrebbero accumulare un ritardo decisivo. Penso che la Ferrari potrebbe rivedere il concept della propria monoposto, perchè non ci saranno tante gare che si sposeranno bene con lo schema della Rossa.”

About the Author

Andrea Mattavelli
Nato a Gallarate (Varese), classe 1995, appassionato di corse e del motorsport dall'epoca Schumacher-Ferrari. Cresciuto con la Formula 1, ora appassionato di tutte le varie categorie dell'automobilismo (inclusa la Formula E) ;)