McLaren: gara negativa dopo l’incidente

McLaren Renault, Shangai 2019

I due piloti della McLaren hanno vissuto una domenica molto difficile a Shangai, dove entrambi sono rimasti fuori dai punti

Per la McLaren, quella di Shangai è stata una gara da dimenticare. I due piloti, che dopo appena sei curve si sono scontrati con la Toro Rosso di Daniil Kvyat, hanno comunque dato il massimo, ma con scarsi risultati. 

Il miglior piazzamento è stato quello di Carlos Sainz che, nonostante un buon passo, ha buttato via la sua gara a causa dello scontro. Sainz ha completato la gara con il fondo danneggiato e un giro di ritardo dal vincitore. Tuttavia, lo spagnolo ha dimostrato un buon passo ed una performance alla pari dei piloti in zona punti, ma lo scontro ha compromesso irrimediabilmente la sua gara. 

Al termine della gara, Carlos Sainz ha dichiarato: “Un’altra giornata frustrante. Impossibile evitare la Toro Rosso, era una cosa fuori dal nostro controllo che ci ha praticamente distrutto la gara. Questa volta, sfortunatamente, sono state coinvolte entrambe le auto. Un vero peccato perchè il nostro ritmo di gara è stato davvero buono ed io sono riuscito a gestire il degrado senza problemi. Penso che avevamo una chance di lottare per i punti e ce la siamo fatta scappare. Sicuramente, la nostra macchina è migliore in gara che in qualifica. Preferisco pensare positivo ed essere paziente, perchè prima o poi la ruota girerà. Sono abbastanza felice della macchina, molto contento del team e dei miei ingegneri. Serve tempo, e i risultati arriveranno”

È andata peggio a Lando Norris, che non ha potuto completare la gara. Lo scontro con Kvyat lo ha letteralmente fatto volare, danneggiando gravemente il suo fondo. Il britannico, dopo un tentativo disperato di scalare la classifica, si è dovuto rassegnare all’andamento degli eventi, fermando l’auto a quattro giri dal termine. 

Al termine della gara, Lando Norris ha dichiarato: “La mia partenza è stata buona, sono scattato bene e ho evitato i guai. Ho recuperato qualche posizione prima di trovarmi molto vicino a Kimi in curva tre e rischiare grosso. Poi ero all’esterno in curva sei e un colpo mi ha letteralmente fatto volare. Ho danneggiato l’auto e sono dovuto tornare ai box, perdendo molte posizioni. Tornato in pista mi sono reso conto di non avere un grande ritmo di gara a causa del fondo danneggiato, ma ho visto che Carlos andava davvero forte. A parte i piloti dei migliori tre team, credo che potevamo essere i migliori degli altri. Avevamo un grande potenziale, ma il contatto ha rovinato tutto”

About the Author

Daniele Zindato
Nato 23 anni fa, studente di Marketing e con passione smisurata per i motori e per il motorsport.