Mercedes e Red Bull si dividono il Venerdì di prove a SPA

Questo venerdì la Formula 1 ha ufficialmente ripreso la sua attività con le prime prove libere del Gran Premio del Belgio, dodicesimo round del campionato: qui, sulla famosa pista di Spa-Francorchamps i team e i piloti si sono impegnati a fondo per ottenere il setup ideale che è cruciale per questa pista dove ha lunghi rettilinei, ma anche una lunga sequenza di curve medie-veloci compreso il mitico Eau-Rouge.

Nelle FP1 di stamattina è stato il tedesco Nico Rosberg il più veloce con un tempo non male di 1:48.348, dando ben 7 decimi al suo compagno di squadra e leader del campionato Lewis Hamilton, che però dovrà scontare una penalità in termini di posizioni sulla griglia per aver sforato i 5 componenti della sua Power Unit, quindi lavorerà sul passo gara per rimontar più posizioni possibili. A solo 1 decimo dal pilota britannico troviamo un ottimo Kimi Raikkonen, che sembra trovarsi subito a suo agio in quello che è probabilmente il suo circuito preferito; anche Sergio Perez fa buona figura finendo quarto a ridosso del finlandese della casa di Maranello. Più indietro troviamo in quinta posizione la Ferrari di Sebastian Vettel che chiude di poco davanti alle 2 Red Bull di Ricciardo e Verstappen e alla Force India di Nico Hulkenberg, nona la Williams di Valterri Bottas e un buon Esteban Gutierrez che con la sua Haas chiude davanti a Grosjean la Top 10. Da segnalare i problemi al motore della McLaren-Honda di Fernando Alonso che complicherà e non poco il piano di lavoro del team.

Nelle FP2 di oggi pomeriggio invece le scuderie hanno fatto diversi piani di lavoro e quindi non tutti hanno girato con le stesse coperture: possiamo solo dirvi che questa volta è la Red Bull a mettere le 2 macchine davanti, con Max Verstappen primo a 1:48.085 e Daniel Ricciardo secondo a 1:48.341, poi troviamo a sorpresa la Force India di Hulkenberg in terza posizione davanti alla Ferrari di Vettel e al suo compagno Perez. Solamente in sesta posizione la prima Mercedes di Nico Rosberg, che però ha fatto il miglior tempo non con le gomme supersoft, quindi il suo tempo di 1:49.161 è un ottimo segnale per le freccie d’argento, davanti anche a Kimi Raikkonen di 1 decimo in settima posizione. Ottima la Haas che chiude in ottava posizione con Grosjean e in decima posizione con Gutierrez, in mezzo la McLaren-Honda di Jenson Button, ottimo Wehrlein che con la Manor chiude undicesimo e Lewis Hamilton che lavorando esclusivamente sul passo gara chiude in 1:49.782, 1 secondo e 7 dal miglior tempo di giornata.

Riassumendo sembra che Nico Rosberg diventi il grande favorito per ritornare alla vittoria dopo Baku, mentre per il podio sarà gran bagarre tra Ferrari, Red Bull, Force India e Hamilton che, partendo da dietro dovrà assolutamente rimontare per non perdere molti punti dal suo compagno di squadra.