Mercedes: Hamilton allunga, Bottas scompare

Anche nell’appuntamento malese di questo campionato mondiale di Formula 1, la Mercedes è riuscita ad allungare sulla Ferrari, grazie ad un ottimo (anche se non perfetto) weekend di Hamilton ed una grandissima sfortuna della Ferrari, colpita dalla cattiva sorte sia al sabato che alla domenica.

La casa della Stella a Tre Punte ha comunque collezionato 28 punti utilissimi in classifica costruttori. Proprio questi 28 punti hanno permesso alla Mercedes di allungare sulla Ferrari di ben 16 punti in classifica costruttori, avvicinandosi ulteriormente alla conquista del quarto titolo consecutivo.

Se si pensa che questi punti sono arrivati da un pilota che è al meglio della sua forma e da un pilota che dice di essere nel peggior momento della sua carriera, si capisce quanto la W08 sia prestazionale e competitiva.

Il pilota attualmente nella miglior condizione di forma del campionato è Lewis Hamilton, autore della pole position con poco più di 40 millesimi di vantaggio su Kimi Raikkonen. Hamilton è stato autore di una gara che non si direbbe degna del ‘vecchio Hamilton’, facendosi superare da Verstappen senza opporre la minima resistenza e risultando a tratti leggermente rinunciatario pur di conquistare punti utili alla sua corsa al mondiale. Fosse stato qualche anno fa, avremmo visto Hamilton lottare senza tema contro l’olandese pur di non perdere la testa della corsa. Invece Hamilton si è messo a fare il ragioniere, ‘accontentandosi’ del secondo posto ed evitando di prendere rischi derivanti dalla rincorsa ad una Red Bull nettamente superiore alla Mercedes.
Dopo qualche giro in terza posizione, dovuto alle posizioni perse a causa del pit stop, è tornato in seconda posizione quando è stato richiamato ai box Daniel Ricciardo.

Il pilota attualmente nel momento peggiore della sua carriera (o almeno così dice) è Valtteri Bottas, che sicuramente non sembra lo stesso pilota che è riuscito ad imporsi nel Gran Premio di Russia e nel Gran Premio d’Austria. Valtteri ha subito recuperato una posizione ai danni di Daniel Ricciardo, perdendola all’ottavo giro per merito di un ottimo Ricciardo che si è subito messo all’inseguimento del finlandese dopo aver subito il sorpasso. Stato di forma e crisi a parte, Bottas è comunque riuscito a restare quarto per gran parte di gara, perdendo poi la posizione in favore di Sebastian Vettel durante il pit stop.

La sensazione è che la Mercedes potrà sfruttare il grande vantaggio che attualmente ha sulla Ferrari per conquistare il titolo costruttori nei prossimi appuntamenti, ma Hamilton dovrebbe iniziare ad avere paura di una Ferrari e di un Vettel in netta crescita.