Mercedes W07 Hybrid: che lotta con Lewis e Nico!

Diciannove vittorie, venti poles position, nove giri veloci, un campionato piloti e costruttori con Lewis Hamilton e Nico Rosberg

© Mercedes

2016. L’anno di Nico, e delle sue imprese da stratega nei confronti del compagno di squadra tali da scrollargli di dosso l’etichetta di eterno secondo, grazie anche ad una vettura strepitosa sul fronte tecnico e complice la mancanza di una concorrenza all’altezza della squadra delle frecce d’argento.

Potenzialmente, la W07 Hybrid nasce come evoluzione della vettura precedente, la W06 Hybrid del 2015 con la quale Lewis Hamilton si laureò per la terza volta in vita sua campione del mondo: il regolamento tecnico della FIA non subì modifiche eclatanti se non che il limite di motori a disposizione del pilota (5) e lo screamer pipe, un condotto atto a migliorare l’acustica dello scarico delle power unit.

© Mercedes

Il telaio venne costruito secondo gli standard attuali della FIA con la cellula di sopravvivenza in carbonio e muso abbastanza basso per attutire gli impatti frontali, come venne deliberato da regolamento 2014. Inoltre venne aggiornato più volte per ospitare l’ S-Duct, il condotto che ospita i flussi provenienti dall’anteriore da indirizzare verso la parte centrale della vettura. Venne rivisto anche il sistema di protezione laterale del pilota, disponendo i coni anti-intrusione in posizione come da regolamento resistendo fino ad un impatto di 50 kN rispetto ai soli 15 kN del 2015.

L’airscope venne allargato rispetto alla W06, passando da una sezione triangolare ad una ogivale per migliorare ed incrementare la portata d’aria destinata all’aspirazione del propulsore e al raffreddamento dell’ERS. Il motore, PU106C V6 dotato di un angolo V di 90°, produceva oltre 600 cavalli limitato a 15.000rpm. Il cambio, come da regolamento, dispone va di 8 rapporti e retromarcia controllato tramite i classici paddle al volante.

© Mercedes

Lo schema sospensivo è il classico in stile Mercedes, pull-rod al posteriore e  push-rod all’anteriore con terzo elemento a comando idraulico: quest’ultimo concetto portò il team a realizzare un telaio che praticamente era divise in due parti. Ciò fece discutere pesantemente. Al posteriore, sopra lo scarico, venne disposto il monkey seat per incrementare l’efficenza dello scarico; quest’ultimo venne bandito dalla FIA a partire dal 2017.

La vettura fu in grado di raccogliere 19 vittorie su 21 GP, due dei quali furono ritiri: meccanico per Hamilton in Malesia e un incidente a poche curve dal via per entrambi i piloti del team di Brackley. Nelle gare successive la Mercedes continuò a dominare, con tre vittorie di Rosberg in Bahrain, Cina e Russia e 2 podi di Hamilton.

© Mercedes

I due contendenti al titolo, arrivarono così ad Abu Dhabi a giocarsi il campionato del mondo piloti all’ultimo round della stagione con Lewis Hamilton che si aggiudicò la gara ma a Rosberg bastò la seconda posizione per laurearsi campione del mondo: per la seconda volta, nella storia del mondiale, il figlio di un campione del mondo vince, a sua volta, il titolo. Il padre di Nico, Keke, vinse il titolo nel 1982; l’altra coppia padre-figlio è quella Graham-Damon Hill.


SCHEDA TECNICA

Motore
Configurazione PU106C 90º V6
Posizione Mid, montato longitudinalmente
Costruzione blocco e testata in alluminio
Cilindrata 1,600 cc / 97,6 cu in
valvetrain 4 valvole / cilindro, DOHC
Alimentazione  Iniezione diretta di carburante
Lubrificazione Carter secco
Aspirazione Turbo
Potenza 600 CV / 448 kW
Giri/minuto 15.000 giri al minuto
BHP / litro 375 CV / litro
Motore Elettrico
Configurazione Motore elettrico
Posizione Mid, montato longitudinalmente
Energia 161 CV / 120 kW
Trasmissione
Telaio monoscocca a nido d’ape in composito di alluminio e fibra di carbonio
Sospensioni anteriori doppi bracci trasversali, molle e ammortizzatori azionati da asta di spinta, barra antirollio
Sospensione posteriore doppi bracci trasversali, molle e ammortizzatori azionati da tiranti, barra antirollio
Sterzo corona e pignone, servoassistito
Freni (fr / r) dischi ventilati carboceramici
Cambio Semiautomatico a 8 velocità a palette
Trazione Posteriore
Dimensioni
Pneumatici (fr / r) Pirelli 245/660 – 13 / 325/660 – 13
Prestazione TOT.
Potenza combinata 761 CV / 568 kW