Red Bull graziata: solo una reprimenda per Ricciardo e Verstappen

The crashed cars of Max Verstappen (NED) Red Bull Racing RB14 and Daniel Ricciardo (AUS) Red Bull Racing RB14 at Formula One World Championship, Rd4, Azerbaijan Grand Prix, Race, Baku City Circuit, Baku, Azerbaijan, Sunday 29 April 2018.

Tanto fumo, niente arrosto. Il week-end della Red Bull a Baku era cominciato bene ed è andato man mano a peggiorare (mai in lotta con Mercedes o Ferrari) fino all’incidente tra le due RB14 di Daniel Ricciardo e Max Verstappen. Dalla padella alla brace. Non solo perchè il team ha buttato così al vento tanti punti, ma anche perchè i due piloti avrebbero dovuto fornire spiegazioni ai commissari dopo la gara. A rischio penalità.

Incredibilmente, sia l’australiano che (soprattutto) l’olandese se la cavano con una reprimenda. Secondo i commissari, infatti, Verstappen avrebbe si cambiato traiettoria in rettilineo (cosa vietatissima dal regolamento), ma anche Ricciardo avrebbe ‘aiutato’ infilandosi in uno spazio troppo piccolo(?). Daniel avrebbe anche ammesso di aver frenato troppo tardi. Insomma, se vogliamo, la FIA è stata parecchio generosa visto le velocità in cui i due si stavano dando battaglia.

Una penalità? 3 posizioni in griglia a Barcellona per Sirotkin.

Altrettanto non lo è stata nei confronti di Sergey Sirotkin. Il russo della Williams verrà penalizzato di 3 posizioni in griglia nel GP di Spagna per aver tamponato alla prima curva del primo giro la Force India di Sergio Perez. Una decisione che a nostro avviso è giusta, ma allora ci chiediamo: perchè non hanno applicato lo stesso metro di giudizio per le due Red Bull?