Red Bull: Spielberg è già un lontano ricordo

Per il momento le Red Bull confermano il trend negativo fatto vedere durante tutte le sessioni di prove libere. La distanza sul giro secco rispetto a Ferrari e Mercedes è consistente: Verstappen si piazza in quinta posizione, 4 decimi dietro Bottas e addirittura 7 decimi più lontano rispetto al poleman, peggio ancora fa Daniel Ricciardo (che sta attraversando un momento decisamente delicato a livello personale).

Sul passo gara la situazione non è tanto differente: lo stesso pilota australiano, ieri al termine dei test, aveva commentato così la situazione Red Bull: “Siamo parecchio indietro, ci sono alcuni tratti guidati in cui andiamo bene, ma complessivamente siamo lontani dai primi. Faremo il possibile, ma il passo dei primi oggi non era alla nostra portata. Potrebbe venirci in aiuto la gestione degli pneumatici, se farà molto caldo magari possiamo sperare di allungare un po’ gli stint di gara, ma in queste condizioni Ferrari e Mercedes sembrano avere un passo molto buono.”

Dunque a dare tormento ai piloti del team austriaco sono certamente i rettilinei, dove il motore Reanult mostra evidenti limiti rispetto ai competitors.

Gli ultimi Gran Premi, però, ci hanno insegnato a non escludere mai dalla lotta alle prime posizioni le due Red Bull. Anche sul tracciato di Spielberg, infatti, la prestazione di Verstappen specialmente ha stravolto le aspettative, dopo un venerdì ed un sabato non del tutto esaltanti. Proprio nel gran premio di casa l’olandese è stato quello ad aver gestito meglio di tutti gli pneumatici, dimostrando una grande maturità. Abilità che potrà rivelarsi decisivo anche domani.

Come ha suggerito Ricciardo, infatti, in gara il caldo sarà un fattore determinante per tutte le scuderie, pertanto sarà avvantaggiato chi riuscirà a mantenere le gomme in buone condizioni il più a lungo possibile.