Renault, prestazione e maturità in Cina

La musica in F1 è completamente nuova per la Renault. La casa francese, nel GP Cina, ha conquistato un 6° posto con uno straordinario Nico Hulkenberg e un 9° con Carlos Sainz. Il tutto per 10 punti che si vanno ad aggiungere in questo buon inizio di stagione. La Renault è attualmente quinta nel mondiale costruttori (23 punti in più rispetto all’avvio 2017) e mette nel mirino quello che è il loro obiettivo di fine stagione: il 4° posto attualmente occupato dalla McLaren, davanti di 3 punti.

Hulkenberg pensa che il risultato arrivato non dipenda unicamente dagli episodi di quella gara e della relativa Safety Car: “Avevamo una strategia a due soste, dovevamo far durare lo pneumatico mentre tutti avevano poco grip. La Safety Car ha reso a noi le cose più facili, ma penso che anche senza saremmo stati in quelle posizioni. La prestazione c’era ed essere in cima al centro gruppo è stato divertente! Portiamo a casa otto punti, è stata una buona giornata.”

Anche Sainz, tornato a punti dopo la beffa del Bahrain, si ritiene soddisfatto: “Ho fatto un’ottima partenza e ho superato una delle Red Bull, ma poi mi ha risuperato e ho perso posizioni. Poi sono riuscito a stare sulle due soste grazie alla SC. Complessivamente sono contento di come sia andata la gara, ma devo ancora lavorare con i miei ingegneri per avere la piena fiducia nella macchina.”

E per il team principal Cyril Abiteboul questo risultato è importante per il futuro. “Stiamo maturando. Abbiamo avuto delle buoni posizioni di partenza, ma questo ci ha messo in crisi sulla strategia. Sapevamo che dovevamo fare due soste, mentre chi era dietro poteva farne solo una. La Safety Car ci ha aiutato, ,ma il nostro passo gara è stato incoraggiante tanto quanto la vittoria di Ricciardo. Egli ha dimostrato che il nostro motore Renault è capace di vincere le gare.”