Ricciardo out a Monza a causa della frizione

L’australiano Daniel Ricciardo ha vissuto un altro weekend nero a Monza.
Dopo essere partito dal fondo a causa della sostituzione della power unit e dopo qualche piccolo problema durante le FP1, Daniel ha girato senza problemi durante le altre due sessioni di prove libere.

La gara di Daniel è terminata quando l’australiano era appena rientrato in zona punti ed aveva appena superato Stroll.
Tutti hanno subito pensato ad un problema causato dalla ‘Spec C’ Renault. Proprio la casa francese ha deciso di rinviare l’installazione della nuova specifica a causa delle molte modifiche necessarie al telaio per l’alloggiamento della power unit. Queste modifiche richiedono anche modifiche all’aerodinamica e la Renault ha avuto paura di incorrere in problemi dovuti alla scarsa ventilazione della power unit.

Nella serata di domenica, però, la Renault ha comunicato tramite una nota ufficiale che ha spiegato la tipologia dei problemi: “Possiamo confermare che il ritiro di Daniel Ricciardo non è dovuto alla power unit. Dopo aver effettuato i controlli necessari, possiamo dire che il problema è stato alla frizione”.
Anche Horner ha confermato quesa ipotesi. Il team prinicpal ha dichiarato: “Daniel stava facendo una grande gara. Nelle fasi iniziali aveva recuperato diverse posizioni ed era anche riuscito a girare con gli stempi tempi di Vettel. Sfortunatamente abbiamo avuto dei problemi che ci hanno costretto a ritirare la macchina. Abbiamo visto molto fumo uscire dal condotto dell’aria. Non siamo ancora del tutto sicuri della causa, ma probabilmente c’è stato un cedimento della frizione”

Il pilota australiano ha dichiarato: “È stata un’altra gara frustrante per me. Avevo appena superato Stroll e stavo guardando nello specchietto per vedere se fosse tutto ok ma non ho più visto Stroll. Ho subito capito che non lo vedevo a causa del troppo fumo che usciva dal retro della mia monoposto. Ho subito comunicato il problema al mio ingegnere e lui mi ha chiesto di fermare l’auto. È un periodo davvero negativo e frustrante. Spero che i tecnici riescano a migliorare l’affidabilità così da poter puntare al podio a Singapore.”

Per l’australiano il periodo non è dei migliori. Daniel ha collezionato solo 12 punti nelle ultime 4 gare, frutto del quarto posto arrivato in Ungheria. Nelle restanti gare sono arrivati solo ritiri.