Sainz sarà penalizzato a Baku

Dopo l’incidente di domenica, Carlos Sainz è stato penalizzato dai commissari di gara perchè è stato ritenuto responsabile dell’accaduto.

Infatti, lo spagnolo ha causato un brutto incidente nelle fasi iniziali della gara, incidente che ha coinvolto anche Grosjean e Massa: lo spagnolo ha stretto verso l’esterno la Haas numero 8 del francese nelle prime curve del Gran Premio del Canada, che a sua volta ha perso il controllo mettendo due ruote nell’erba e ha toccato la ruota posteriore destra della Toro Rosso, mandandola pericolosamente in testacoda.

A questo punto, la monoposto fuori controllo ha centrato la Williams di Massa, che è stato sbattuto contro le barriere di protezione situate tra le curve 3 e 4.
Grosjean, invece, è riuscito a rimanere in pista dopo un controllo al limite della sua monoposto, riuscendo a terminare la gara in decima posizione e portandosi a casa un importante punticino utilissimo nella rincorsa alla Toro Rosso per la quinta posizione nel mondiale costruttori.

Lo spagnolo si era preso la responsabilità dell’incidente prima ancora di visionare le immagini, ma l’ammissione di colpa non è un’attenuante, quindi la Direzione di Gara ha dovuto procedere con il comminare una sanzione al pilota numero 55.

Per lui, la sanzione è stata definita in un arretramento di tre posizioni sulla griglia di partenza del GP di Baku.

Sainz, al termine della gara, ha dichiarato: “La mia partenza è stata molto difficile, ho fatto uno scatto buono e alla curva 2 ero già in dodicesima posizione a tentare il sorpasso su Alonso. Fernando ha avuto una buona trazione in uscita, quindi sono rientrato in mezzo al gruppo per tentare l’attacco all’interno all’ingresso della curva 3. Purtroppo, a causa di un angolo cieco dei miei specchietti, non ho visto una Haas che era alla mia destra. Non sapevo che fosse lì! Se l’avessi vista, avrei lasciato lo spazio necessario a tutti per la manovra. Dopo il contatto, io sono stato semplicemente un passeggero: sono andato a sbattere contro le protezioni e purtroppo la mia gara è finita lì. Vorrei chiedere scusa, soprattutto a Felipe che è stato coinvolto, ma non ho potuto fare nulla per evitarlo. E’ stato un gran botto, ma sto bene”.

Lo spagnolo ha poi concluso: “Questo weekend per noi non è stato per nulla buono. Abbiamo iniziato dal non poter girare il venerdì nelle FP1, poi le qualifiche di sabato ed infine la gara. Adesso però è il momento di concentrarsi su Baku!”

Il commento di Steiner

Ad Auto Motor und Sport, Gunther Steiner, direttore sportivo del team Haas si è detto scontento per la penalità di Sainz perchè troppo leggera: “La penalità è troppo leggera! Dopo l’incidente di SPA del 2012, a Grosjean è stato dato un divieto di correre il GP successivo solo perchè non aveva visto un pilota nella zona cieca dei suoi specchietti.”

Il manager italiano ha proseguito spiegando che Sainz non è la prima volta che commette degli errori che danneggiano la Haas: “Ha spinto Magnussen fuori pista all’uscita della pit lane a Barcellona e ha scompigliato una sessione di prove a Montreal perchè non ha guardato negli specchietti.”

Alla fine, ha aggiunto: “Ha bisogno di un paio di occhiali o di specchietti più grandi!”