Steiner: “Terremo i nostri piloti!”

La Ferrari, in trattativa con la Sauber per l’acquisto dell’intero team o delle quote di maggioranza, ha proposto alla Haas di ingaggiare per il 2018 sia Giovinazzi che Leclerc, in modo da mettere in pista i due talenti più promettenti della FDA.
Approfondisci: La Ferrari vicina all’acquisto della SauberGiovinazzi e Leclerc in Formula 1 con la Sauber? 
Tuttavia, già da tempo la Haas aveva confermato la attuale line up di piloti, chiudendo le porte alla Ferrari ed alla sua proposta.

A svelare questo retroscena è stato Gunther Steiner, team principal della scuderia italo americana: “Lavoriamo molto a stretto contatto con la Ferrari, siamo molto aperti con loro su quello che facciamo ma loro rispettano le nostre decisioni e questo è l’unico modo per far funzionare la nostra partnership. Ci hanno chiesto se avremmo potuto fare qualcosa per i loto piloti, ma abbiamo rifiutato.”

Per Steiner, ciò che serve davvero per diventare grandi è la stabilità e la continuità, da costruire con una solida base che parte proprio dai piloti: “Cerchiamo di pianificare tutto, facendo i nostri progetti e cercando di portarli avanti. Abbiamo preferito rinnovare con Grosjean e Magnussen dopo aver fatto delle attente valutazioni, quindi dobbiamo essere coerenti.”
Approfondisci: La Haas rinnova con Grosjean e Magnussen

Il team principal altoatesino ha poi proseguito spiegando come la Formula 1 sia un mondo complesso: “E’ tutto nuovo per noi, quindi dobbiamo restare calmi. Il sangue freddo aiuta a fare le giuste scelte nel momento giusto, per questo abbiamo la necessità di costruire una base molto solida. Per questo la coerenza è importante, stiamo lavorando egregiamente con i nostri piloti, quindi non abbiamo nulla da cambiare.”

La Haas quindi, non darà un sedile da pilota titolare nè a Giovinazzi nè a Leclerc, che quindi rimarranno a disposizione di Ferrari, Sauber e Haas come terzi piloti o solo per saltuarie uscite in FP1.
Questo non chiude definitivamente le porte della Formula 1 ai piloti della FDA, visto che per loro c’è ancora qualche speranza di diventare titolari in Sauber nel 2018 o nel 2019.