Vasseur e la ‘rivoluzione’ Sauber: “Nel 2018 ripartiamo da zero! E su Leclerc…”

Tra la partnership mancata con la Honda, il ritorno con la Ferrari e il cambio ‘di guardia’ tra i team principal, la Sauber sta vivendo un periodo di grossi cambiamenti. E la stagione attuale ne è la prova, visto che il team elvetico sta garaggiando dall’inizio dell’anno con la vettura 2016 (adattata ai nuovi regolamenti) e che occupa attualmente l’ultimo posto nel costruttori con soli 5 punti, tutti conquistati da Wehrlein con un 8° posto in Spagna e un 10° posto a Baku. Ma per il 2018 le cose potrebbero cambiare.

Ne parla proprio il nuovo team principal Frederic Vasseur (subentrato alla Kaltenborn), cominciando dalla nuova monoposto per l’anno prossimo. “Sarà una macchina completamente nuova” – spiega l’ex-manager Renault – “Dobbiamo ripartire da zero e per questo è già da tempo nella galleria del vento. Penso che stiamo facendo un buon lavoro”.  Poi sulla partnership rinnovata con la Ferrari specifica che: “Ne stiamo ancora discutendo per quanto riguarda i parametri, ma credo che sarà meno del 20%”.

Tornando all’ultimo argomento, insistono sempre di più le voci in cui il Cavallino voglia fare della Sauber il proprio ‘Team B’, così da dare un sedile ai propri giovani piloti quali Giovinazzi e Leclerc. Al momento pare che il monegasco (che disputerà già quest’anno 4 FP1 con la monoposto della squadra svizzera) sia in una situazione migliore dell’italiano, ma Vasseur preferisce non affrettare sulla questione piloti. “Ora deve solo concentrarsi a continuare a fare belle gare nella Formula 2” – afferma il team principal francese – “Spero di poterne parlare in futuro ma al momento è ancora troppo presto”. Per quanto riguardo i piloti attuali, Ericsson potrebbe essere confermato per un altro anno, mentre Wehrlein si è già messo da tempo sul mercato piloti.

Per concludere, Frederic parla di quelli che saranno i progetti futuri per il team elvetico. “La sfida più grande per me sarà quella di aumentare le dimensione della società, così da incrementare le prestazioni per ogni reparto” – afferma Vasseur – “Non sarà semplice tornare nel gruppo di metà classifica, anche perchè gli altri team saranno in una situazione migliore della nostra. Ma se riusciremo a compiere i nostri progetti, potremmo tornare in lotta. E io voglio farlo in ogni occasione”.