Vettel: “Un incidente stupido. Colpa mia!”

Sebastian Vettel ha posto fina alla sua gara già alla prima curva, subito dopo aver messo il muso davanti alla Red Bull di Verstappen e mentre tentava di attaccare anche Rosberg.
I commissari hanno messo il botto “under investigation” e questo potrebbe portare delle conseguenze per Vettel al GP di Suzuka, ma il tedesco non da la colpa a nessuno se non a sé stesso, ammettendo di aver sbagliato e di aver centrato Nico senza scusanti.

Dopo un ottimo scatto dalla terza fila, Vettel ha affiancato la Red Bull di Max Verstappen alla staccata della prima curva e, nella foga del sorpasso, ha mancato il punto di staccata, toccando con il suo pneumatico anteriore sinitstro il pneumatico posteriore destro della Mercedes di Rosberg.
Il tedesco della Mercedes, dopo essere andato in testacoda, si è accodato al gruppo ed ha dato il via ad una rimonta impressionante, che lo ha portato a chiudere in terza posizione.

E’ andata peggio a Vettel, che ha dovuto parcheggiare a bordo pista la sua Ferrari.

Vettel, fermato nell’area giornalisti per alcune domande, ha spiegato: “Sono partito benissimo e mentre attaccavo la Red Bull di Max ho visto che una Mercedes davanti a me era andata larga, ma ero concentrato sul sorpasso di Verstappen e non ho potuto fenare in tempo.”

Sebastian si dice dispiaciuto per l’accaduto: “Sia per me che per Nico è un gran peccato. E’ stato un incidente stupido dovuto ad una serie di episodi. Ripeto, ero fianco a fianco con Max, sono arrivato lungo e non c’è stato nulla da fare.”

A Sebastian è stata riferita l’affermazione di Verstappen via radio in cui ha commentato l’azione del tedesco con i box con un secco: “Sebastian è pazzo, è andato addosso a Rosberg da idiota”.
L’ex pilota della Red Bull e 4 volte campione del mondo, ha risposto: “Non credo ci sia bisogno del mio commento in merito”.