Wolff strizza l’occhio all’Alfa Romeo-Sauber: “Un’alleanza pericolosa per noi”

Non importa quanto si discuti su questo. La mossa di Marchionne di far rientrare l’Alfa Romeo in Formula 1 affianco alla Sauber è stata azzeccata. Non tanto per i modi in cui si è arrivati a questa partnership, ma più per l’attenzione di media e appassionati che si è focalizzata. Oltre al fatto che la Ferrari ha potuto dare un sedile al proprio gioiellino Charles Leclerc, facendo di fatto l’Alfa Romeo-Sauber un proprio ‘junior team’.

E i complimenti arrivano anche dal capo della Mercedes Toto Wolff, che loda sia Marchionne che Arrivabene per il lavoro fatto. “Quello che stanno facendo è molto intelligente. Hanno creato buoni rapporti con la Haas, e ciò ha aiutato la Ferrari, ma quello che stanno facendo con la Sauber ora è lungimirante. L’Alfa Romeo-Sauber ha un team principal come Frederic Vasseur che conosce a fondo il business. Questo potrebbe renderla un’allenza pericolosa per noi.”

Inoltre, anche la Mercedes potrebbe ‘copiare’ quello che ha fatto la Ferrari, stipulando una partnership con un team minore. “Si, stiamo considerando qualcosa di simile.” – continua Wolff“Non è semplice perchè non vogliamo distrarre la nostra struttura con la collaborazione con un altro team. Non siamo gli unici ad avere idee intelligenti, stiamo discutendo le nostre possibilità, ma non c’è ancora nulla di certo.”

Per il 2018 l’Alfa Romeo-Sauber schiererà Charles Leclerc e Marcus Ericsson. Quest’ultimo è stato confermato dal team grazie agli sponsor che egli porta. Antonio Giovinazzi sarà terzo pilota e scenderà in pista in diverse FP1 nel corso della stagione.