Formula E | GEOX Rome E-Prix: vittoria per Evans!

SANYA STREET CIRCUIT, CHINA - MARCH 22: Mitch Evans (NZL), Panasonic Jaguar Racing during the Sanya E-prix at Sanya Street Circuit on March 22, 2019 in Sanya Street Circuit, China. (Photo by Sam Bloxham / LAT Images)

A Roma si è appena concluso il GEOX Rome E-Prix, settima tappa del Campionato ABB FIA Formula E. Il risultato della pista ha decretato la vittoria di Mitch Evans (Panasonic Jaguar Racing), davanti ad André Lotterer (DS Techeetah Formula E Team) e Stoffel Vandoorne (HWA RaceLab).

Partenza: un po’ di caos ed una bandiera rossa per del caos in pista

Ottima partenza di Vandoorne che si porta in terza posizione, mentre Lopez va lungo al tornantino e perde alcune posizioni. Gunther, a causa del dosso in salita, ha perso aderenza, sbattendo contro il muro ed eseguendo una scivolata con la vettura perdendo completamente l’ala anteriore, lasciando detriti in pista. Nella prima chicane, poi, Bird viene mandato a muro da Lopez, con Bird che ha la sospensione posteriore sinistra danneggiata. Viene poi esposta la bandiera rossa per un super incidente, causato da Lopez che ha perso la vettura da solo nella chicane, e quindi gli altri piloti non hanno potuto evitare Lopez a causa del poco spazio. La gara riparte dopo circa 45 minuti.

Ripartenza: lotta tra Buemi e Frijns

Durante il giro in SC i primi quatto (Lotterer, Evans, Vandoorne, Buemi) ed altri non attivano l’Attack Mode, mentre buona parte dei restanti (Frijns, Rowland, Massa, Mortara, Di Grassi, Lopez, Wehrlein, D’Ambrosio, Turvey, Dillmann, Lynn) lo attivano. Alla ripartenza, Da Costa attiva il suo AM mentre Buemi, Frijns e Rowland lottano per la quarta posizione. Frijns e Buemi lottano per la posizione ma Buemi si difende bene. Sims viene penalizzato con 10 secondi di stop and go per aver sostituito il motore, cambio e l’inverter dopo la qualifica. Mortara passa Massa per la settima posizione, mentre Vergne attiva il suo Attack Mode.

Varie penalità in gara, molte azioni di sorpasso

Il FanBoost viene assegnato a Vandoorne, Da Costa, Abt, Buemi e Di Grassi. L’incidente tra Bird e Lopez al primo giro viene messo sotto investigazione. Al settimo giro, Vandoorne attiva l’Attack Mode per chiudere il gap con Lotterer ed Evans. Mortara, all’ottavo giro, ha un fallimento della trasmissione, ed è costretto al ritiro. Abt blocca le gomme in curva 14 e scivola in fondo al gruppo. Lopez viene penalizzato con un drive-through per l’incidente con Bird.

La battaglia davanti è molto vicina, con i primi tre in poco più di un secondo di distacco. Evans è molto vicino a Lotterer, mettendo molta pressione sul tedesco. Anche Massa è fermo in pista, in curva 14, costretto al ritiro, e viene chiamata la FCY per poter spostare la macchina del brasiliano. Vergne sorpassa Da Costa sotto FCY, poi la bandiera verde viene esposta nuovamente.

Günther viene messo sotto investigazione per essere andato più veloce del limite FCY. Al 15° giro Evans attiva il suo Attack Mode, e mette molta pressione a Lotterer. Vergne è sotto investigazione per il sorpasso sotto FCY, mentre Da Costa ha 5 secondi di penalità perché la sua batteria era sotto il 97% sulla finta griglia di partenza. Evans forza il sorpasso alla chicane 11-12 mandando quasi Lotterer contro il muro, ottenendo la posizione sul tedesco. Günther viene punito con 5 secondi di penalità, mentre Lotterer al 19° giro va ad attivare il suo Attack Mode. Ad Evans e Lotterer viene dato un warning da parte della direzione gara. Lotterer usa subito dopo il suo secondo Attack Mode, al 22° giro (8 minuti + 1 lap alla fine).

Evans: vittoria a tempo controllato

Al 23° giro Evans va per attivare l’Attack Mode, ma non riesce perché l’uscita era imprecisa, e Lotterer chiude il gap a 4 decimi, mettendo pressione sul pilota neozelandese. A 4 minuti dalla fine, Frijns sorpassa Buemi per il quarto posto. Evans attiva il suo Attack Mode a 2 minuti dalla fine, ma gli viene ordinato di rallentare perché altrimenti non avrà abbastanza energia per finire la gara. A Vergne viene comminato un Drive-Through per il sorpasso sotto FCY.

Günther raggiunge lo 0% di energia usabile prima della fine dell’e-Prix, mentre Evans arriva finalmente alla vittoria ed è il settimo vincitore differente in sette gare. Lotterer secondo, Vandoorne meritatissimo terzo. A seguire Frijns, Buemi, Rowland, Vergne (che non ha servito il suo Drive-Through), Di Grassi, Da Costa e D’Ambrosio.

Vergne viene poi è stato penalizzato ed è scivolato dal settimo posto al quattordicesimo, dando quindi il punto del giro veloce al compagno di squadra Lotterer. Questa è la prima vittoria sia per Evans che per la Jaguar, ed Evans diventa il settimo vincitore diverso in sette gare.

Questi i risultati provvisori, in attesa di eventuali altre penalità comminate dalla direzione gara:


Le classifiche quindi, in attesa di eventuali altre penalità, sono come seguono:


About the Author

Fabio Seghetta
Studente universitario di Informatica. Ho una smisurata passione per il motorsport (F1, MotoGP, IndyCar, Formula E). Ho partecipato al campionato Formula Student con la mia università, arrivando secondi nel 2016 in classe 3 (stravincendo la prova di Cost Report). Gestisco la pagina Instagram @theracingstalker.