Le pagelle dell’ePrix di Hong Kong: Buemi e Di Grassi i migliori, delusione NEXTEV e DS Virgin


Eccovi qua le mie pagelle della prima gara stagionale della Formula E:

  • Sebastien Buemi 10: Un ottimo modo per il campione in carica di cominciare il campionato. Come dimostrato nella scorsa stagione il pilota svizzero riesce a sorpassare con tranquillità gli altri piloti e a non fare incidenti, lasciandolo nella seconda parte di gara in fuga solitaria.
  • Lucas Di Grassi 9.5: prima parte di gara non fortunata per il vice-campione brasiliano, coinvolto negli incidenti delle retrovie e costretto a fare la sosta anticipata. La Safety Car lo rimette in carreggiata ma lui è bravo a sfruttare questa opportunità ed a rimontare fino alla seconda posizione.
  • Nick Heidfeld 8.5: dopo una qualifica non entusiasmante, il veterano tedesco da il suo meglio in gara, e sfruttando la Safety Car riesce a prendersi un grande podio alla gara inaugurale(così come l’anno scorso), arrivando davanti a una delle 2 Renault.
  • Nicolas Prost 7: Bene ma non benissimo il debutto per il figlio d’arte del ex-campione F1. Parte nel mezzo della griglia, sfrutta i vari incidenti per risalire, ma alla fine non riesce a salire sul podio. Deve ancora trovare la costanza se vuole pensare di battagliare per il titolo.

  • Team Andretti 9: Dopo i primissimi 4 ci sono loro. Una grande gara per il team americano, che riesce a piazzare dopo una qualifica difficile il portoghese Da Costa quinto e l’olandese Frijns sesto, con quest’ultimo che era pure partito ultimo. Con piloti come questi la stagione può riservare loro grosse soddisfazioni.
  • Jerome D’Ambrosio 7.5: Una bella gara per il pilota belga del Dragon Racing, che partendo dal fondo riesce grazie ai suoi sorpassi e grazie anche ai vari episodi a finire settimo davanti al suo compagno di squadra Duval.
  • Oliver Turvey 5: Il pilota della NEXTEV non riesce a salvarsi questo week-end. Prende paga dal suo compagno ex-campione 2014 e non riesce nemmeno a tenersi una posizione di testa, figlio di una monoposto che è ancora al lavoro per ritornare tra i primi.

  • Team DS Virgin 4.5: Se partivano con l’intenzione di essere la terza incomoda tra Renault e Audi… hanno sbagliato partenza. Avevano entrambi i piloti a zona podio, e invece finiscono fuori dai primi 10 sia con Bird per noie tecniche al cambio auto sia con Lopez che è andato a muro dopo una prima parte di gara pessima. Magari sarà anche sfortuna, ma se si vuole puntare alla vittoria finale, queste occasioni bisogna coglierle al volo.
  • Nelson Piquet Jr. 8: Una gara che sembrava una magia per lui, che nonostante un team che veniva da una stagione disastrosa, era riuscito a far la Pole Position e a sfuggire nella prima parte di gara. Poi l’incidente con Lopez gli fa perdere la testa della gara è una strategia discussa gli farà perdere qualche altra posizione. Poi nel finale i limiti della macchina vengono fuori e per il brasiliano sarà un finale deprimente che lo porterà fuori dalla zona punti.
  • Team Jaguar 5.5: Un debutto senza punti, con Carroll dodicesimo e Evans ritirato per un problema meccanico. Però quest’ultimo lottava per la zona punti, per cui possiamo sperare in futuro in una Jaguar competitiva.