IndyCar 2019: Anteprima ed orari del Gran Premio di Toronto

Tre settimane dopo il dominio di Alexander Rossi a Road America l’IndyCar si sposta a Toronto, per l’unico evento extra-U.S.A. del calendario. La classifica vede in testa Josef Newgarden, che giunge in Canada con soli 7 punti di vantaggio su Rossi (402 – 395). Più attardato il Campione della Indy500 Simon Pagenaud, che ha all’attivo 341 punti ed è davanti a Scott Dixon. Quest’ultimo, a quota 308 punti, trova nel Canada la possibilità di tornare in lotta per il titolo; 94 punti dal leader della classifica non sono pochi, ma con il sistema di punteggio che ne assegna ben 50 tutto è ancora possibile. Per consultare l’intera classifica piloti clicca QUI.
L’attenzione non è solo incentrata sull’attività in pista, bensì anche dal ritorno di Robert Wickens, che dopo l’incidente di Pocono 2018 guiderà la Honda NSX Pace Car durante i giri di formazione.

LA PISTA

Il circuito cittadino di Toronto è situato nella zona dell’ Exhibition Place ed ed occupa il secondo posto nella classifica dei circuiti cittadini che hanno ospitato almeno una gara di monoposto, dietro solamente a Long Beach.
La pista ha una lunghezza totale di 1.786 miglia (2.874 km) ed è composta da 11 curve. E’ rimasta pressoché invariata negli anni, con solo l’ultimo settore che ha subito modifiche che tuttavia non hanno modificato in maniera importante il layout.
Il Toronto Street Circuit è conosciuto sia per essere lo scenario di gare spettacolari, sia per i violenti incidenti che si sono verificati dal 1986 in poi. Tra i tanti è quasi obbligatorio menzionare l’incidente che purtroppo coinvolse ed uccise Jeff Krosnoff, il quale nell’edizione 1996 decollò al di sopra della vettura di Stefan Johansson. La vettura di Krosnoff colpì le recinzioni, disintegrandosi e senza lasciare scampo al pilota di Arciero Wells Racing’s Reynard – Toyota. Nell’incidente, purtroppo, perse la vita anche il commissario di pista Gary Avrin.
Tra le edizioni più strane ed emozionanti troviamo la gara del 2015, vinta da Josef Newgarden. La sorpresa della gara fu tutta italiana, con Luca Filippi che completò la doppietta CFH Racing giungendo 2° a circa 1.4″ dal campione IndyCar 2017

STATISTICHE

Il Gran Premio di Toronto è stato nel 2014 e nel 2015 diviso in due gare, con la Direzione Gara che decise di testare anche la partenza da fermi, quasi un tabù per il Motorsport americano.
La gara si svolge nell’ Exhibition Place dal 1986, quando a vincere fu Bobby Rahal a bordo della March Cosworth del team Truesports. Il vincitore del 2018, invece, fu il poi Campione Scott Dixon.

Per quanto riguarda, inoltre, l’albo d’oro del Toronto Street Circuit questa è la situazione corrente: Il pilota più vincente è ancora oggi Michael Andretti, con 7 primi posti; 7 vittorie ottenute anche dal Team Newman/Haas Racing, che è la squadra che occupa il primo posto nella classifica squadre. Discorso a parte quello delle vittorie ottenuto dai piloti ancora in attività: tra essi il più vincente è Will Power, con 3 successi ottenuti nel 2007, nel 2010 e nel 2016.

COME E DOVE VEDERE L’INDY GRAND PRIX OF TORONTO

La gara sarà trasmessa in diretta da DAZN domenica 14 giugno alle ore 21.40.

Con DAZN segui la INDYCAR IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND