Alex Irlando vince nel finale la International Super Cup KZ2 2017

Alex Irlando vince all’ultima curva la finale della KZ2 International Super Cup 2017 di Wackersdorf, imponendosi per 49 millesimi su Benjamin Persson Tornqvist, ma la sua vittoria si tinge di giallo per un contatto proprio nella manovra di sorpasso allo svedese del team CRG; i commissari però gli assegnano la vittoria, al termine di una gara sostanziosa al termine di una bella rimonta. La gara erra iniziata con l’errore in partenza per Riccardo Longhi, polesitter, infilato subito da Tornqvist Persson, mentre Irlando e Bray si fanno beffe di Stell, scivolato dal quarto al sesto posto. Terzo è Marco Zanchetta, che riesce a infilare Longhi nel corso della quarta tornata, con Irlando che si accoda al terzo posto, superando entrambi Longhi. Ma nella stessa tornata e di quella successiva Zanchetta viene toccato due volte ed è costretto a perdere ben 5 posizioni, mentre Longhi fa segnare il giro record. Irlando, intanto, si fa beffe del pilota BirelART e si porta alle spalle di Tornqvist nel corso del sesto giro, iniziando la sua rimonta. Infatti, fa segnare il giro record alla nona tornata, primato che gli viene tolto da Longhi al tredicesimo passaggio, ma che il pugliese si riprende il giro successivo.

Zanchetta, intanto, inizia la sua rimonta, portandosi al settimo posto a 9 giri dalla fine, mentre Irlando abbassa ancora il limite sul giro, inseguito da Longhi. Adesso si è avvicinato a Tornqvist e lo attacca nel corso del 17. giro, quando si accende la battaglia per la leadership tra i primi tre. Già, perché Irlando deve anche guardarsi dall’attacco di Longhi che arriva al 18. giro, mentre Celenta il giro successivo si porta al quarto posto, con Zanchetta al sesto. Bray, invece, perde 4 posizioni nel corso del 21. giro. Il rush finale inizia con l’attacco di Ilando nel corso del 22. giro, mentre anche Longhi vuole essere della partita e sferra l’attacco a un giro dalla fine. I tre sono staccati da meno di 3 decimi e percorrono l’ultimo giro in fila indiana. Ma all’ultima curva ecco la svolta decisiva, con Irlando che sferra l’attacco, va al contatto con Tornqvist Persson e taglia il traguardo per primo, con un vantaggio di 49 millesimi sullo svedese; nella volata c’è anche Longhi, che deve accontentarsi del terzo posto, davanti a Celenta, Zanchetta, Van Leeuwen, Stell, Gonzales, Paul e Rosati che chiude la top ten.