Boya Navalon manda in visibilio il pubblico e trionfa in Academy

Nella Academy i giovani piloti se le danno di santa ragione e l’esordio 2018 sulla pista di Salbris regala degli attimi di spettacolo puro, da mandare in visibilio il pubblico francese. Protavgonisti assoluti della finale sono lo spagnolo Boya e il belga Pauwels, che scatta in pole position, ma alla partenza lo spagnolo perde la posizione in favore di Meguetounif. Si scatena il parapiglia, con ben 3 incidenti nel corso del primo giro e con Boya che prima si riprende il secondo posto e poi va all’attacco di Pauwels, conquistando la leadership nel corso del quarto giro. Wernersson intanto mette a segno il giro record, battuto da Tanic il passaggio successivo.

Il settimo giro succede l’imprevisto: Boya finisce fuori pista per un contatto e scivola al quarto posto e, mentre Shimbara mette a segno il giro record, Tanic recupera posizioni, scalando prima al secondo e poi al primo posto, ma viene battuto da Pauwels, seguito da Boya e Zanfari che recupera fino al terzo posto. Al decimo passaggio Pauwels spinge Boya fuori pista, con Zanfari che prima guadagna il secondo posto e poi commette un errore, finendo fuori e perdendo 7 posizioni. Chi sale, invece, èp Meguetounif, che al 13. giro guadagna il terzo gradino del podio e il passaggio suxccessivo abbassa il record sul giro, ma viene battuto da Boya che si invola verso la vittoria, davanti a Pauwels, Meguetounif, Kadapik, Rattican, Shimbara, Crawford, Callejas Gomez, Tanic e Albanese che chiude la top ten.