Denis De Marco, vittoria sfumata al ritorno in gara a Ugento

Rientro col botto per Denis De Marco, che ha disputato ieri la prima prova del campionato regionale zona 7 ACI-CSAI valida anche per la Coppa Puglia. Il pilota di origine svizzera si è contraddistinto nella gara della KZ3 Junior che ha addirittura rischiato di non disputare a causa dei dolori alle costole. Ma grazie alle cure dei medici è riuscito a tornare e a sorprendere tutti, di nuovo.

De Marco infatti ha impresso il suo sigillo sin dalle qualifiche, dove ha fatto segnare il miglior tempo ed è scattato in testa al via della prefinale. Una gara dominata dal pilota del team Quaranta Racing, che grazie alla pista viscida è riuscito a imporre il proprio ritmo e tagliare il traguardo con oltre 3 secondi di vantaggio sul resto del gruppo.

In finale però non c’è stato nulla da fare contro il lacerante dolore fisico, che si e fatto sentire anche a causa del cambiamento climatico nel corso della giornata: la pista infatti si è gommata e De Marco ha retto in testa per metà gara, prima di accusare forti dolori alle costole che lo hanno costretto a chiudere la gara al terzo posto. Una delusione parziale che però conferma l’ottimo potenziale del pilota del team satellite della scuderia Maranello, determinato a rientrare nel giro delle gare che contano (il Campionato italiano è certamente un’ottima vetrina) ma con l’obiettivo di divertirsi. E se arriva qualche buon risultato ben venga.

Al termine della gara, queste le parole di De Marco:

“Anche se quest’anno abbiamo deciso di puntare a degli obietivi diversi, non ha importanza; ciò che conta sono le emozioni, la rabbia, le soddisfazioni che ci togliamo. Sono onorato, orgoglioso e molto felice di aver conosciuto la famiglia Quaranta e grazie a loro oggi sono una persona diversa, mi hanno insegnato tanti valori cosi come ha fatto il resto della mia famiglia, ho imparato ad apprezzare di più la vita e ad essere più maturo. Maurizio per me è un punto di riferimento ho un rapporto speciale e spero possa durare in eternità. Non potrò mai dimenticare il gesto che mi ha fatto Maurizio facendomi tornare nel mondo del karting dopo un periodo buio è difficile della mia vita. Grazie a tutti per il supporto ne sarò grato, sempre.”