Brawn BGP001: la famosa controversia del doppio diffusore

© BrawnGP

2009. L’ex team manager inglese della Scuderia Ferrari, Ross Brawn, acquisì la ormai decaduta Honda Racing F1 con sede a Brackley per la simbolica cifra di una sterlina. Il nuovo team, chiamato BrawnGP, debuttò ai test invernali di Barcellona con la BGP001 motorizzata Mercedes, lasciando esterrefatti nei tempi cronometrici i loro concorrenti, dimostrandosi molto competitivi. Tutto ciò fu imprevedibile, visti i risultati ottenuti durante la passata stagione.

Solo poche settimane prima della prima gara della stagione, questo scenario sembrava assolutamente impossibile. La Honda si era ritirata dalla Formula 1 alla fine del 2008, offrendo in vendita l’operazione con sede in Inghilterra.  Rispetto alla concorrenza, il team era indietro di due mesi nei test.

© BrawnGP|Ultimatecarpage

Drammatici cambiamenti alle normative aerodinamiche e pneumatici fecero sì che il concorrente del 2009 avesse bisogno di un progetto virtuale, partendo da un foglio bianco. Honda fu la prima squadra ad avviare gli sviluppi ed ebbe un chiaro vantaggio. Addetti ai lavori hanno già previsto un grande anno per la squadra dopo tante terribili stagioni. Quando il produttore giapponese annunciò che avrebbe cessato le attività di Formula 1 molti temevano che non avremmo mai visto quanto fosse buona la macchina.

Tre mesi dopo riuscimmo a vedere la nuova macchina. Verniciata in bianco con livrea a strisce gialle Day-Glo, la Brawn GP BGP001 scese sul circuito di Silverstone. La Honda aveva anche interrotto la fornitura di motori, ma fortunatamente Mercedes-Benz fu in grado di aumentare la propria produzione. A tempo di record gli ingegneri della Brawn GP adattarono il telaio per ospitare il motore Mercedes V8 da 2.4 litri.

© Ultimatecarpage

L’elemento più controverso della macchina fu il diffusore a due profili. Anche se Ross Brawn aveva già parlato della sua legalità con la FIA nel 2008, molte delle altre squadre erano convinte che il diffusore fosse illegale. Toyota e Williams utilizzarono disegni simili e ovviamente si schierarono con Brawn GP. Le proteste offuscarono le prime gare ma nessuna decisione punitiva.

Questo particolare elemento, ha come compito principale di accelerare il flusso sotto la vettura creando una zona di bassa pressione che incrementa il carico aerodinamico. La BGP001, insieme a Toyota e Williams, sfruttò una falla del nuovo regolamento per creare un doppio diffusore, incrementando così il carico rispetto alle vetture dotate di un semplice estrattore. Le squadre rivali presentarono immediatamente reclami, portati addirittura fino alla Corte d’Appello della FIA che alle fine dichiarò la soluzione conforme al regolamento, portando tutte le altre squadre a dover seguire e copiare il progetto delle Brawn, Toyota e Williams.

© Motor1

Button siglò sei vittorie nelle prime sette gare e ottenne un enorme vantaggio in classifica. Con una mano sul trofeo del campionato del mondo, lui e la squadra di Brawn iniziarono a rallentare mentre il resto della recuperò. Barrichello aggiunse anche due vittorie al suo conteggio dopo una “siccità” di cinque anni. Man mano che il suo vantaggio diminuiva gradualmente, la pressione aumentava. Nella penultima gara di Interlagos, Button conquistò finalmente il titolo con una guida degna di un campione del mondo. Il team di Brawn concluse la sua stagione da favola con la vittoria del mondiale costruttori.

Fu inoltre l’unico team a vincere entrambi i titoli al debutto in tutta la storia della formula 1. L’anno successivo, venne ufficializzato che il gruppo Mercedes Benz acquisì il 75% delle quote trasformando il team in “Mercedes GP” diretto sempre da Ross Brawn ingaggiando piloti come Michael Schumacher e Nico Rosberg. Nel 2013, il team si trasformò in Mercedes AMG Petronas con Lewis Hamilton e lo stesso Rosberg.


SCHEDA TECNICA

Motore
Configurazione Mercedes-Benz FO 108W V8
Posizione Mid, montato longitudinalmente
Costruzione blocco e testata in lega di alluminio
Cilindrata 2.400 cc / 146.5 cu in
valvetrain 4 valvole / cilindro, DOHC
Alimentazione  Iniezione di carburante
Aspirazione Naturalmente aspirato
Trasmissione
Telaio monoscocca a nido d’ape in fibra di carbonio
Sospensione (fr / r) doppi bracci trasversali, molle e ammortizzatori a barra di torsione azionati da asta di spinta
Sterzo corona e pignone, servoassistito
Freni (fr / r) dischi ventilati in ceramica al carbonio
Cambio Automatico a 7 velocità
Trazione Trazione posteriore
Motore
Configurazione Mercedes-Benz FO 108W V8
Posizione Mid, montato longitudinalmente
Costruzione blocco e testata in lega di alluminio
Spostamento 2.400 cc / 146.5 cu in
valvetrain 4 valvole / cilindro, DOHC
Alimentazione del carburante Iniezione di carburante
Aspirazione Naturalmente aspirato
Trasmissione
Telaio monoscocca a nido d’ape in fibra di carbonio
Sospensione (fr / r) doppi bracci trasversali, molle e ammortizzatori a barra di torsione azionati da asta di spinta
Timone rack e pignone, servoassistito
Freni (fr / r) dischi ventilati in ceramica al carbonio
Riduttore Automatico a 7 velocità
Guidare Trazione posteriore
Dimensioni
Peso 605 chili / 1.334 libbre
Lunghezza|larghezza|altezza 4.700 mm (185 in) / 1.800 mm (70.9 in) / 950 mm (37.4 in)
Cerchi BBS
Pneumatici Bridgestone Potenza

About the Author

Luigi Gabriele Gueli
Classe 1996', studente di Ingegneria Aerospaziale che nutre sin da bambino la passione per le 4ruote e gli aerei.