Moto2: Yonny Hernandez si separa dall’AGR Team

Dopo quelli di Danny Kent con la Kiefer e di Axel Bassani con la Speed Up, si verifica un altro divorzio nella classe intermedia del motomondiale. Si tratta del colombiano Yonny Hernandez che con l’AGR Team chiude il rapporto collaborativo prima della fine della stagione. Clamoroso se si pensa che gli ultimi 5 anni li aveva passati in MotoGP, non tanto per i risultati attuali. Il 29enne di Veda, infatti, non aveva rispettato quelle che erano le aspettative su di lui e anzi, ha totalizzato sin qui solo 16 punti e un 9° posto a Jerez come miglior risultato. Davvero troppo poco.

A sostituirlo da qui fino al termine della stagione sulla sua Kalex ci sarà il giovane americano Joe Roberts che viene dal CEV Moto2. Il pilota classe 97 di Los Angeles ha corso nella Red Bull Rookies Cup e nell’AMA Supersport, ottenendo in entrambi le competizioni buoni risultati. Quest’anno ha collezionato 2 podi con 1 secondo posto a Barcellona e un terzo all’Estoril, piazzandosi momentaneamente in quinta posizione nel mondiale con 72 punti.

Sono molto sorpreso per questa opportunità.” – ha ammesso Roberts nel comunicato stampa dell’AGR Team –Ho sempre sognato di correre nel Motomondiale, ma non mi aspettavo di arrivarci così presto. Avrò tanto da imparare, ma con la squadra cercherò di farlo il più velocemente possibile come successo quest’anno nel CEV. Mi sono sempre migliorato di gara in gara, pertanto spero di ripetermi anche nel Motomondiale.”

E che ne sarà del futuro di Yonny Hernandez? Secondo le ultime voci di mercato, il colombiano potrebbe sfruttare la sua valigia per tornare nella MotoGP. Il team più quotato attualmente è quello della Aspar che sta cercando un secondo pilota da affiancare ad Alvaro Bautista sulla Ducati satellite. In competizione con Hernandez c’è un Karel Abraham che nonostante dei risultati non esaltanti può sfruttare anche lui la sua valigia per restare nella classe regina. Agosto potrebbe essere il mese decisivo per chiudere le trattative e potremmo saperne di più già dai prossimi Gran Premi a Brno e a Spielberg.