Il libro del Motomondiale 2017. Circuiti da scoprire. Capitolo 12: Silverstone, Inghilterra

Eccoci tornati alla rubrica sui circuiti del Motomondiale 2017!

Dopo il weekend austriaco, i piloti gareggeranno sul circuito di Silverstone in Inghilterra. La pista è stata più volte cambiata nel corso degli anni e la sua configurazione è uguale sia per la MotoGP sia per la F1 con un’unica differenza: le partenze sono in due rettilinei differenti. Il tracciato è uno dei più lunghi del Motomondiale con i suoi 5891 metri e conta di ben 19 curve. Vediamone ora le caratteristiche tecniche.

La partenza è spostata leggermente avanti rispetto alla linea del traguardo e la prima curva del T1 è attaccata alla partenza. All’uscita di questa rapida curva a destra, la Copse, troviamo un deciso allungo verso la parte più bella e difficile del circuito, ovvero le chicane Maggots-Becketts (2-3.-4-5). Alla fine di queste veloci “esse” troviamo la 6 a sinistra, la Chapel, che immette nel rettilineo più lungo della pista, all’inizio del quale è posto l’inizio del secondo settore.

Il T2 comprende quindi l’Hangar Straight che porta alla difficile staccata per la curva Stowe, una difficile curva a destra da cui si esce forte sul cordolo di una semi-curva a sinistra che immette poi in un brevissimo allungo per un’altra insidiosa staccata, quella della Vale. Questa è una curva a sinistra a 90 gradi che è seguita da una curva a destra, la Club, molto lunga che comprende anche la 11 a destra, molto più secca. All’uscita di questa c’è l’inizio del terzo settore.

Il T3 comprende il rettilineo della partenza e arrivo della F1 seguito da una velocissima curva a destra, la Abbey, e da una rapida curva a sinistra, la Farm. Alla fine di queste curve c’è un cambio di direzione destra-sinistra (la 14-15) piuttosto lento dove spesso si sono visti sorpassi al limite. La 16 è la curva Arena a sinistra che immette nell’ultimo settore della pista.

Il T4 conta di sole 3 curve nelle quali si può fare la differenza. Dopo un rettilineo abbastanza lungo troviamo la difficile staccata della Brooklands a sinistra, seguita dal cambio di direzione che porta alla Luffield, una lunga curva a destra che immette nel rettilineo d’arrivo, preceduto da un’altra curva a destra velocissima, la Woodcate. Si arriva quindi sul traguardo in quarta piena e speriamo che in questo round i piloti del Motomondiale possano farci divertire come hanno già pienamente fatto in questa entusiasmante stagione!