Lorenzo versione “Martillo”: Pole a Misano, Rossi subito dietro!

Jorge Lorenzo voleva riscattarsi dopo dei week-end di Brno e Silverstone assolutamente negativi e quale miglior posto per lui se non Misano, casa degli italiani, ma pista preferita anche per lui, dove ha vinto 3 volte consecutive in MotoGP dal 2011 al 2013? Andiamo a vedere come sono andate queste qualifiche:

Nella Q1 c’è già una sorpresa all’inizio: Michele Pirro da wild-card diventa una “moto titolare” per sostituire Andrea Iannone e quindi i tempi delle prove libere sono cancellati, costringendo il campione CIV Superbike a fare la Q1 per qualificarsi (e questo ha permesso all’Aprilia di Alvaro Bautista a qualificarsi direttamente la Q2). Comunque questa è stata una sessione senza storia, con Michele Pirro e Hector Barbera a qualificarsi con ampio margine su Stefan Bradl terzo classificato, che comunque partirà domani da un’ottima tredicesima posizione. Buono anche Alex Lowes, quattordicesimo in griglia; delusione per i rider Pramac Petrucci e Redding che chiudono quinto e ottavo questa sessione.

Nella Q2 doveva essere una battaglia serrata per la Pole Position, ma oggi Lorenzo aveva troppa voglia di far bene: 1:31.868 è il crono col la quale il maiorchino distrugge il record che fu di Casey Stoner e va a prendere una meritatissima Pole! “Primo degli altri”: l’altra Yamaha ufficiale di Valentino Rossi che riesce a prendere la prima fila non senza qualche fatica, perché nei primi minuti della Q2 faticava a fare il giro secco e sembrava relegato alla seconda/terza fila, e invece proprio l’ultimo giro riesce a piazzarsi secondo(a 3 decimi da Lorenzo) e riesce a mettersi davanti al leader Marc Marquez, che sembrava il favorito per la Pole, invece partirà soltanto quarto, dietro anche ad un ottimo Vinales che chiude la terza fila!

Insieme a Marc, ci saranno anche le Ducati di Michele Pirro (applausi per lui che è la prima moto della casa di Borgo Panigale) e Andrea Dovizioso in seconda fila, terza fila per Crutchlow, Pedrosa e Aleix Espargaro, con quest’ultimo che è stato condizionato da una caduta negli ultimi minuti della qualifica; in quarta fila ci vanno un deluso Pol Espargaro, carico dopo le ottime prove libere dove era in zona prima/seconda fila, Barbera e un buon Alvaro Bautista con la sua Aprilia del Team Gresini.

Ci aspetta di sicuro una grandissima gara domani, piena di sorprese e battaglie sia per il podio che per i punti: appuntamento domani alle 14!