Maverick Vinales: “Questo è stato l’anno più difficile per me. Rossi? Ti aiuta a migliorare”

Un inizio da favola, ma un finale da incubo. Questo è in poche parole il mondiale MotoGP 2017 della Yamaha ma sorpattutto di Maverick Vinales. Il rider spagnolo, dopo le sue vittorie in Qatar, Argentina e Francia, non è più riuscito a ripetere quelle prestazioni che gli avrebbero consentito di rimanere in lotta per il titolo. “Siamo stati noi la sorpresa della stagione.” – ha scherzato Maverick in un’intervista a MARCA“Avevo iniziato l’anno in grande condizione fisica e mentale. Avevo dominato tutti i test, ero stato l’unico ad Austin ad essere in lotta con Marc (Marquez).”

“Mi sentivo fortissimo, ero il pilota da battere.” – ha continuato il #25“Poi, dopo gli alti, sono arrivati anche i bassi. La nostra moto non ha funzionato Mavcon le mescole morbide e quando la Michelin cambiò le gomme non siamo stati più capaci di fare le scelte giuste per le gare. Abbiamo tutti le stesse gomme, bisogna gestirle. Questo è stato l’anno più difficile per me mentalmente, sono arrivato più stanco alla fine dell’anno.”

Maverick Vinales ha poi risposto all’argomento Valentino Rossi e alle voci in cui lo volevano colpevole di aver portato il caos alla Yamaha: “Non credo sia andata così.” – ha commentato il pilota Yamaha – “Quando sei in Yamaha vedi un’azienda vincente. Non credo non volessero vincere, hanno cercato solo di portare il meglio sia per me che per lui. Sono stato sempre libero di scegliere il telaio che volevo, la moto che volevo. Abbiamo faticato tanto per capire la direzione su cui andare.”

Sembra quindi consolidarsi sempre di più il rapporto che c’è tra Valentino e Maverick. “Rossi è un pilota che ha dato tanto al motomondiale.” – afferma Vinales“E’ ancora a livelli incredibili, ti aiuta a migliorare. Spero che lui continui a correre per ancora molto tempo. Se io voglio restare in Yamaha? E’ una grande squadra, è chiaro che mi piacerebbe continuare con loro, cercando ovviamente di essere forte.”