MotoGP, Day 1 Test Sepang: Marquez soffre ma è il più veloce

Dopo un lungo inverno, attenuato dalle presentazioni ufficiali delle squadre, finalmente le MotoGP sono tornate in pista in occasione dei test ufficiali a Sepang.

I piloti hanno avuto finalmente occasione di assaporare nuovamente il sapore della pista, anche se con qualche eccezione: gli ufficiali di Aprilia KTM hanno potuto girare nel fine settimana grazie alle concessioni, nei due giorni nei quali i vari team sono scesi sul tracciato con i test rider.

Non sono mancate tuttavia le assenze eccellenti: Stefan Bradl ha infatti sostituito Jorge Lorenzo, come già si sapeva da qualche settimana a causa dell’infortunio rimediato dal maiorchino durante questo inverno.

HRC ha dovuto fare fronte non solo alla mancanza di un suo pilota, ma anche agli acciacchi della sua punta di diamante, Marc Marquez, ancora convalescente dopo l’operazione alla spalla. Il campione del mondo ha sorpreso non solo per essere riuscito a girare nella giornata odierna viste le sue condizioni, ma soprattutto per il tempo che è riuscito a stampare. Con il suo 1.59.621, il sette volte iridato si posiziona davanti a tutti, pur soffrendo molto a causa della clavicola che, come ha ammesso lui stesso, non gli consente di fare più di 2/3 giri al top.

Queste le parole di Marquez al termine della giornata: “Sono felice perché sono tornato sulla moto dopo un lungo inverno, ma mi aspettavo di essere in condizioni migliori. C’è ancora tanto lavoro da fare perché per 2/3 giri riesco ad essere veloce, ma poi soffro tanto e non riesco ad essere costante, motivo per cui abbiamo terminato in anticipo la sessione”

Dietro di lui troviamo Alex Rins, che conferma da subito il grande momento di forma dalla seconda metà della passata stagione. Alle sue spalle c’è poi Maverick Vinales, distante tre decimi dalla migliore prestazione, seguito da uno straordinario Tito Rabat. Lo spagnolo di Avintia, al rientro dopo il terribile infortunio di Silverstone, è tornato in pista a Sepang e nei minuti finali della sessione ha stampato il 4° tempo.

Il primo dei piloti a salire oltre i due minuti è Danilo Petrucci, che conclude la giornata in 5° posizione, mentre ad appena 3 millesimi dal ducatista troviamo Valentino Rossi. 

Settimo crono per Nakagami, che precede Andrea Dovizioso, protagonista di una giornata piuttosto ordinaria, nella quale insieme al team si è concentrato sul lavoro di comparazione, affermando di non avere preso ancora alcuna decisione su telaio e motore. Queste sono le sue parole: “La pista non era in buone condizioni, quindi i tempi sono stati simili a quelli della gara. Abbiamo provato il nuovo telaio, ma è difficile fare una comparazione, non è semplice sentire le differenze, dobbiamo lavorare ancora domani per prendere una decisione. Anche riguardo il motore è tutto da decidere, vediamo in questi giorni”

Chiudono la top ten Stefan Bradl Pol Espargaro, vittima di una scivolata sul finale di turno così come Jack Miller. 

Da segnalare anche il rientro di Cal Crutchlow dopo l’incidente di Phillip Island che ha messo a rischio anche la sua carriera. Il britannico ha cominciato il lavoro con la moto 2018 per riprendere il feeling e capire quali fossero le sue condizioni, per poi salire sulla 2019 nel pomeriggio. Alla fine della giornata ha chiuso al 14° posto ad un secondo dal tempo di Marquez.

Di seguito la classifica della prima giornata di test