MotoGP – Ducati GP19, missione “Win-now”!

Mission Winnow. Lo sponsor, ma anche l’obiettivo della Ducati. Questo è il messaggio che lascia la Desmosedici GP19, la prima MotoGP a togliersi i veli. Presentata presso il Philip Morris Cube di Neuchatel, in Svizzera, la nuova moto si presenta in una livrea tutta rossa, come non si vedeva dai tempi di Stoner. I piloti, Dovizioso e Petrucci, avranno proprio il compito di portarla alla conquista di un titolo mondiale che manca dal 2007 con Casey. Oltre alla già citata livrea only red della GP19, la nuova moto vuole rappresentare un’ulteriore step di evoluzione per l’intero pacchetto Ducati.

La mente dell’intero team, Luigi Dall’Igna, sa che il team deve confermare i progressi fatti negli ultimi anni. “La stagione 2018 è stato un’altro anno importante per noi. La Ducati è continuata a crescere e siamo continuati a rimanere molto competitivi. L’unico problema è che non siamo riusciti a tenere la lotta aperta fino alla fine. Per il 2019 dobbiamo migliorare, le evoluzioni riguardano tutte le aree. Andrea (Dovizioso) rappresenta la continuità ed è carico dopo aver chiuso due volte secondo il mondiale, vuole il titolo. Danilo (Petrucci) è con noi dal 2015, non ha ancora vinto ma sa che il suo obiettivo, oltre a quello di vincere, sarà quello di essere regolarmente sul podio. Speriamo che il 2019 sia un anno meraviglioso per la Ducati.”

Andrea Dovizioso: “Mi sento meglio dello scorso anno, la Ducati quest’anno è più bella del solito. Sarà molto dura vincere, ma negli ultimi anni ho chiuso due volte secondo dopo due anni diversi. Nel 2018 ho fatto alti e bassi, ma sono comunque contento della stagione passata. Abbiamo imparato tante cose da li, conosco a fondo il team e ora mi sento pronto per lottare per il titolo. Sono più fiducioso, non vedo l’ora di cominciare.”

Danilo Petrucci: “Era già stato stupendo la prima uscita a Valencia.. Non mi sento rilassato, ma mi sento bene, so di aver fatto un buon lavoro nei test. Non vedo l’ora di andare a Sepang. Sono molto contento di lavorare con Dovizioso, è prima di tutto un ragazzo molto in gamba e poi è un grande pilota. Siamo una grande squadra, insieme possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Il mio è quello di uscirne soddisfatto da questa stagione, voglio essere un rider Ducati per tanti anni.”

About the Author

Andrea Mattavelli
Nato a Gallarate (Varese), classe 1995, appassionato di corse e del motorsport dall'epoca Schumacher-Ferrari. Cresciuto con la Formula 1, ora appassionato di tutte le varie categorie dell'automobilismo (inclusa la Formula E) ;)