MotoGP, FP3: Dovizioso continua a dettare legge, segue Miller. Marquez costretto alla Q1!

La prima notizia del giorno è senza dubbio il forfait di Jorge Lorenzo dal GP di Thailandia, conseguente alla brutta caduta patita ieri durante il venerdì di prove libere. La seconda, invece riguarda la pista ed i tempi sul giro: Marc Marquez sarà costretto a passare dalla Q1, non avendo un tempo sufficiente per stare nei primi 10.

Andrea Dovizioso continua invece a dimostrarsi molto veloce, almeno sul giro secco, in un turno che nella sua prima parte ha visto tutti i piloti provare le soluzioni per la gara. Tanto il lavoro svolto da tutti con gomme usate, con la mescola dura al posteriore che sembra essere con ogni probabilità quella che sarà utilizzata in gara. 1.30.399 è il crono con il quale il pilota di Forlì si porta al comando delle operazioni, staccando Jack Miller, a suo agio sul tracciato di Buriram, di un decimo e mezzo. L’australiano è anche uno dei pochi ad avere provato la gomma media dietro durante il turno. Continua a figurare nelle prime posizioni Maverick Viñales, 3° questa mattina, distante due decimi dalla miglior prestazione. Lo spagnolo continua ad esibire una buona velocità e continua ad andare molto forte, sovvertendo momentaneamente i pronostici della vigilia.

La prima Honda questa volta è quella di Cal Crutchlow, 4° con 1.30.719, che sul giro secco continua a ben figurare. Si rivede finalmente anche il compagno di marca, Daniel Pedrosa, 6° a quattro decimi da Dovizioso. Continuano ad intravedersi segnali di ripresa per il numero 26 che probabilmente ci tiene a chiudere la sua carriera con delle belle prestazioni. In mezzo al panino Honda troviamo Danilo Petrucci, in quinta posizione, autore di un buon giro e che si candida ad essere protagonista delle qualifiche.

Settima posizione per Valentino Rossi, autore di un 1.30.859. Il pilota di Tavullia soffre molto la parte centrale della pista ma recupera gran parte del terreno nel quarto settore, nel quale ha addirittura la miglior prestazione. Se sul giro secco per adesso pare leggermente attardato, lo stesso non si può dire sul passo gara, dove paga forse ancora qualcosina ma sembra competitivo.

Chiudono la top ten Andrea Iannone, che trova un gran giro sul finale di turno, così come Johann Zarco ed Alvaro Bautista. Anche il francese, come Miller, è stato uno dei pochi a montare lo pneumatico medio al posteriore, mentre Bautista ha addirittura provato la soffice come soluzione per la gara.

Fuori dai 10 come abbiamo anticipato Marc Marquez, che ancora una volta non ha montato la gomma nuova sul finale di turno. Per l’attuale leader iridato anche una scivolata in curva 4 nell’ultimo giro utile nel quale ha cercato di spingere oltre il limite alla ricerca di un tempo che lo portasse in Q2.

Se uno dei prime due posti della Q1 pare già occupato, per il secondo ci sarà da divertirsi; ci sono tanti piloti molto vicini tra loro, tra cui Franco Morbidelli, Alex Rins e i fratelli Espargaro.