MotoGP, FP3: Rins da paura, 4° Rossi. Scintille tra Marquez e Lorenzo!

17 piloti nello spazio di un secondo è il meraviglioso scenario che si presenta alla fine della terza sessione di prove libere, con una qualifica che si preannuncia infuocata

Ieri sembrava essere già decisamente a posto e pronto finalmente per essere competitivo anche sul giro secco, aspetto su cui è mancato un po’ in questo inizio di stagione, e così in effetti è stato. Alex Rins chiude al comando l’ultima sessione di prove libere forte del proprio 1.39.547, appena 36 millesimi più rapido di Fabio Quartararo, scivolato nei minuti di finale di sessione non potendo dunque replicare.

Dietro di loro troviamo Cal Crutchlow, che dopo avere faticato un po’ durante tutto il turno, riesce a tirare fuori un gran tempo durante il suo ultimo tentativo e ad acciuffare la 3° posizione; dietro al britannico c’è Valentino Rossi, autore di due parziali record nel suo giro veloce e apparso decisamente più a suo agio rispetto a due settimane fa.

34 millesimi prima di trovare il compagno di squadra del nove volte campione del mondo, Maverick Vinales, anche lui autore di un settore rosso nella parte centrale della pista, con lo spagnolo che precede rispettivamente Andrea Dovizioso, Pol Espargaro e Danilo Petrucci, che sembra essere più a posto rispetto ad un venerdì nel quale ha fatto molta fatica.

Gli ultimi due posti valevoli per la Q2 vanno ad appananggio di Marc Marquez e Jorge Lorenzo, con i due che hanno battibeccato durante i minuti finali; il maiorchino è rimasto in traiettoria durante un giro veloce dell’attuale campione del mondo, scatenando le ire di quest’ultimo. Jorge si è poi scusato durante le prove di partenza con un cenno di intesa da parte del compagno di squadra.

Non riesce invece a trovare spazio tra i 10 Franco Morbidelli, autore di una brutta caduta durante il proprio giro veloce; l’italiano è stato vittima di un highside durante la penultima curva tirando una gran botta sull’asfalto. Il pilota di Petronas è stato conseguentemente trasportato al centro medico e potrebbe cavarsela semplicemente con un po’ di abrasioni e contusioni.