MotoGP, Iannone: “Sul podio grazie al setup di Rins”

Era nell’aria e la caduta ad inizio gara di Jorge Lorenzo ha senza dubbio aiutato. Andrea Iannone torna finalmente sul podio, un’assenza che persisteva da Jerez e che per un pilota come lui non può essere normale. Il terzo posto di Aragon arriva dopo un fine settimana in costante crescita, dove si è mostrato competitivo e veloce in ogni turno di prove. Il pilota di Suzuki è stato aiutato anche dal test effettuato qualche settimana fa e, come ammesso da lui molto onestamente, anche alcune soluzioni adottate dal compagno di squadra Alex Rins, arrivato appena dietro dopo la bandiera a scacchi.

“Sono contento, abbiamo lavorato bene in questo fine settimana. Il segreto è stato “copiare” i settaggi utilizzati dal mio compagno di squadra Alex Rins, dalla A alla Z. Non è semplice in alcune occasioni ma io non mi arrendo mai, sono arrivato in un buono stato di forma e sono soddisfatto di come abbiamo lavorato nell’arco del weekend. Con il team va sempre meglio e intorno a me ho persone che mi vogliono bene. La mia opinione è che ci sia stato un miglioramento, un progresso a livello di setup della Suzuki. Purtroppo ero assente ai test perché ho accusato un dolore alla schiena, quindi abbiamo dovuto studiare dai dati di Alex (Rins, ndr) e sono arrivato giovedì prefissandomi che avrei utilizzato i suoi dati”

Andrea ha speso anche alcune parole riguardo la sua prossima avventura in Aprilia, oggi arrivata 6° con Aleix Espargaro: “Ho accettato questa sfida con molto orgoglio, mi piacciono le sfide difficili e dure”