MotoGP, Pagelle GP Malesia: Marquez da dieci, Rossi va giù. Bagnaia e Martin campioni

Ecco i voti ai protagonisti di questo entusiasmante #MalaysianGP

Il trittico asiatico ha avuto come di consueto la sua conclusione a Sepang. Se tutti temevano che la pioggia sarebbe stata l’incognita della gara, il bel tempo è stato invece protagonista sullo spettacolare tracciato malese. Se in classe regina la vittoria del solito Marquez è passata quasi in secondo piano, a puntare i riflettori su di se è stato sicuramente Alex Rins, protagonista di una prestazione maiuscola. Gare molto combattute nella classe intermedia e nella cilindrata minore ci hanno restituito anche i nuovi campioni del mondo: Francesco Bagnaia ed Jorge Martin.

MOTOGP

 

  • Marc Marquez, voto 10: Nemmeno una penalità può fermare Marc Marquez. Il campione spagnolo affronta il tracciato di Sepang come una sfida, visto che il circuito malese non gli è proprio mai piaciuto. Mette in mostra una gara tutta in rimonta culminata con la nona vittoria stagionale. Regala ad Honda anche il titolo costruttori.
  • Alex Rins, voto 9: La Suzuki è davvero competitiva qui a Sepang ed Alex non si fa trovare impreparato. Per lui arriva il quarto podio stagionale, frutto di una gara in rimonta e contraddistinta dall’ottima gestione degli pneumatici. Balza dinnanzi a Iannone in classifica, mettendo in chiaro le gerarchie nel box Suzuki.
  • Johann Zarco, voto 8: Nel finale di stagione si rivede lo Zarco di inizio stagione. Dopo la partenza dalla prima casella, il francese non riesce a ripetersi in gara, dovendo fare i conti con un passo non troppo veloce. Nel finale deve arrendersi all’elevata usura, riuscendo comunque a portare a casa un ottimo terzo posto.
  • Maverick Vinales, voto 7: Paga una pessima qualifica e deve mettere nuovamente in mostra una gara tutta in salita. Il passo non è dei migliori, ma non rischia e porta a casa un discreto quarto posto davvero importante per la sua classifica.
  • Dani Pedrosa, voto 6: Su una pista amica come quella di Sepang, si vede rispuntare Dani Pedrosa. Lo spagnolo per una volta non si mostra arrendevole e cerca di inserirsi nella lotta per il podio, ma resta ancora davvero lontano da dove dovrebbe in realtà essere.
  • Andrea Dovizioso, voto 5: Il ducatista è sicuramente il protagonista mancato di questa gara. L’eccessivo caldo rimescola le carte e lo manda in crisi, ma lui non sembra in grado di reagire, accontentandosi di una deludente sesta piazza.
  • Alvaro Bautista, voto 7,5: Ci si poteva aspettare anche qualcosa in più dallo spagnolo, ma la settima piazza è davvero un ottimo risultato considerando la mancanza di grip. Risulta la seconda miglior Ducati al traguardo precedendo per l’ennesima volta i piloti Alma Pramac.
  • Jack Miller, voto 6,5: Ancora una volta l’ottima qualifica non corrisponde ad una prestazione maiuscola. L’australiano è soltanto ottavo al traguardo, forse a causa di una scelta non azzeccatissima per quanto riguarda lo pneumatico posteriore.
  • Danilo Petrucci, voto 5: Penalizzato come i compagni dal caldo, patisce ancora più l’usura delle gomme, portando la sua GP18 soltanto al nono posto, facendosi precedere persino da Bautista e Miller con le vecchie Ducati.
  • Hafizh Syahrin, voto 7,5: I tifosi malesi lo festeggiano in maniera memorabile. Il pilota Tech3 porta a casa una fantastica top10 che gli permette di tenere viva la lotta per il titolo di miglior rookie, ora Morbidelli è solo a +10.
  • Valentino Rossi, voto 5: Oggi poteva di gran lunga essere la migliore gara della stagione di Rossi. Comanda fino a quattro giri dal termine una gara difficile, ma poi (forse) patisce la pressione di un arrembante Marquez e sbaglia, chiudendo la sua gara nella ghiaia.

 

MOTO2

  • Luca Marini, voto 10: A Sepang arriva la prima vittoria di carriera di Luca a conferma della grande crescita di cui è protagonista. Non commette la minima sbavatura, andando a conquistare 25 punti importantissimi per risalire in classifica.
  • Miguel Oliveira, voto 8: Approfitta di un Bagnaia ragioniere per tentare l’assalto alla vittoria. Dopo aver superato il torinese, recupera in tempo record su Marini, ma come troppo spesso accade non riesce a portare a termine il suo inseguimento.
  • Francesco Bagnaia, voto 7,5: La sua è una gara piuttosto anonima, in cui preferisce non rischiare, ma riesce comunque a mettersi in tasca un podio fondamentale per portarsi a casa il titolo di campione del mondo Moto2 2018.
  • Alex Marquez, voto 5: Se in qualifica riesce ancora una volta a brillare con ampio margine, in gara sprofonda ‘accompagnato’ da una partenza davvero pessima. Lotta per tutta la gara con gli alfieri del team Pons, ma al termine della gara il settimo posto è davvero un risultato deludente.

 

MOTO3

  • Jorge Martin, voto 10: La gara di oggi dimostra appieno quanto Jorge abbia meritato la conquista del titolo. Attacca ed allunga al momento giusto, approfittando di un Bezzecchi mai in grado di staccarsi dal gruppone.
  • Lorenzo Dalla Porta, voto 9: Con un Martin così, essere primo degli altri è come una vittoria. Lorenzo si conferma bravissimo nella gestione di una gara difficile, coronata dal secondo posto finale.
  • Enea Bastianini, voto 8: Settimo podio stagionale per Enea, terzo al traguardo. L’alfiere Leopard è protagonista di una gara inizialmente opaca, svoltata nel finale da una rimonta clamorosa.
  • Marco Bezzecchi, voto 6: Nel giorno in cui deve assolutamente recuperare, Marco non riesce a rispondere ad un Martin inferocito. Crolla nel finale, tagliando il traguardo in quinta piazza, regalando il titolo allo spagnolo.
  • Aron Canet, voto 5: Nel giorno in cui la sua Honda è davvero perfetta, lo spagnolo spreca ancora una volta tutto, scivolando banalmente. Il suo sguardo sembra già rivolto al 2019 quando passerà al Max Racing Team.