Pagelle GP Qatar: SuperDovi colpisce ancora, altra rimonta per Rossi! Bagnaia e Martin perfetti in Moto2 e Moto3!

E va così in archivio il primo Gran Premio della Motomondiale 2018. Dopo duelli, emozioni e colpi di scena, è tempo di andare a vedere le nostre pagelle delle gare di Losail, in Qatar:

MotoGP

  • Andrea Dovizioso 10: un tabù che durava da 3 anni per lui e per la Ducati. Desmodovi riesce a romperlo con una grande gara e un’altra grande gestione nel corpo a corpo contro Marc Marquez. La conferma che le prestazioni dello scorso anno non sono un caso isolato.
  • Marc Marquez 9.5: non vince, ma contro un Dovi così c’era davvero poco da fare. Fa il ‘Marquez’, rischia quando può (prendendosi un grande sorpasso su Zarco) e chiude secondo dietro di pochissimi millesimi al vice-campione 2017.
  • Valentino Rossi 9: un podio per festeggiare un rinnovo fino al 2021. Una prestazione molto buona viste anche le effettive prestazioni della Yamaha in confronto a Honda o Ducati. E un’altra mazzata a coloro che lo definiscono ‘bollito’.
  • Crutchlow e Petrucci 8: ottime prestazioni per questi piloti dalle moto ‘ufficiali’ vestite da team indipendenti. In cerca di una sella più prestigiosa nel 2019…
  • Maverick Vinales 8.5: un’ottima rimonta dopo essere partito dalla 12a piazza in griglia. Paga purtroppo il venerdì difficile e la rispettiva qualifica, ma la stagione è ancora lunga per il giovane spagnolo.
  • Daniel Pedrosa 6: fa il suo, ma nemmeno una buona partenza può permettergli di lottare per posizioni più prestigiosi della settima.
  • Johann Zarco 5: troppe aspettative sul francese? Problemi alle gomme? Chi lo sa, sta di fatto che dalla Pole Zarco è passato in un paio di giri dalla prima posizione alla ottava.
  • Jack Miller 7: una Top 10 per celebrare la prima gara con i colori della Pramac. Non male visto che è il primo per distacco delle Ducati satellite.
  • Morbidelli e Syahrin 7.5: due debutti davvero eccellenti. L’italo-brasiliano iridato Moto2 riesce a portare in alto la Marc VDS fino alla 12a posizione, mentre il malese supera le aspettative e diventa il primo pilota della sua nazione a punti in MotoGP.
  • Lorenzo e Rins 4: gare diverse, visto che Rins era nelle prime posizioni mentre Lorenzo faticava, ma stesso finale. Per Jorge il problema ai freni è stato fatale, ma la prestazione opaca non si cancella. Atteso per entrambi riscatto in Argentina.

Moto2

  • Francesco Bagnaia 10: una prima vittoria meritatissima per il rider torinese prossimo alla classe regina. Nessuno è stato in grado di fermarlo.
  • Lorenzo Baldassarri 9: un secondo posto per macchiare il suo debutto con la Pons Racing. Ottima gara, manca solo lo spunto per la testa della gara.
  • Alex Marquez 9.5: arriva dietro a Baldassarri, ma non è facile girare con un freno posteriore incadescente. Bravissimo a tenere la posizione su Mattia Pasini.
  • Pasini e Oliveira 8: Mattia si conferma sui buoni livelli del 2017 mentre Miguel rimedia ad un errore in partenza che poteva compromettergli il week-end.
  • Romano Fenati 5: ma che è successo al caccia-bombardiere? Vola il venerdì e il sabato per poi precipitare nel momento più importante. Urgono risposte già da Termas de Rio Hondo.

Moto3

  • Jorge Martin 10: gran parte della gara condotta in testa, recordi firmato il venerdì… Se non fosse per la Pole mancata ieri, sarebbe stato un week-end perfetto. Favorito N.1 per il titolo.
  • Aron Canet 9: si fa spazio dalla 7a casella della griglia per raggiungere Martin e tagliare il traguardo in una buona seconda posizione molto utile.
  • Lorenzo Dalla Porta 8.5: battaglia con 7/8 riders e ha la meglio per un terzo posto prezioso in vista del campionato e delle prossime gare.
  • Antonelli e Di Giannantonio 8: nonostante la pole sprecata Niccolò chiude comunque in un’ottima quarta posizone, mentre Fabio rimonta dopo una qualifica difficile.
  • Bastianini e lo Sky VR46 4: week-end da dimenticare per entrambi. Enea per la caduta che rovinato una gara meravigliosa, lo Sky Team per una prestazione che dire indecente è davvero poco. Se per Foggia ci sono le scusanti della prima gara in Qatar, dov’è finito Bulega?