Qatar: in caso di gara bagnata regna l’incertezza.. si correrà o no?

Le previsioni indicano la possibilità di pioggia, per questo nella giornata conclusiva di test, il tracciato di Losail è stato bagnato artificialmente per raccogliere le impressioni dei piloti e partorire una decisione in caso di pioggia.

Seppur il maltempo sia poco frequente in Qatar, ricordiamo episodi passati in cui la pioggia ha causato non pochi problemi. L’impianto di illuminazione artificiale, parrebbe infatti causare difficoltà nella visuale in caso di pioggia. Nel 2009 la gara fu recuperata al lunedì, mentre lo scorso anno, complicò i turni di libere.

Dopo la prova sul bagnato, contrastanti sono stati i pareri dei piloti, che hanno comunque evidenziato le criticità di guida.

Favorevoli a correre in queste condizioni sono Marquez e Miller. Il campione del mondo in carica ha dichiarato: “per me va abbastanza bene“, pur sottolineando le difficoltà per quanto riguarda la visibilità.

Indecisione in casa Ducati, con Petrucci e Dovizioso, soprattutto per le difficoltà già con un minimo quantitativo d’acqua.

Scetticismo generale sulla possibilità di correre, l’unico pilota apparentemente soddisfatto del tracciato è stato Karel Abraham; il ceco dell’Angel Nieto team ha sottolineato la scarsa visibilità, pur evidenziando l’ottimo grip offerto dal tracciato di Losail.