Rossi e Lorenzo fuori, Marquez è campione del mondo a Motegi!

Si vede che come tradizione vuole, il campionato debba essere deciso a Motegi, come nel 2007 con Stoner, nel 2008 con Rossi e nel 2014 con Marquez, ma nemmeno lo stesso Marc avrebbe pensato di chiudere i giochi così in anticipo.

La partenza vede Jorge Lorenzo andare in testa, con Marquez che rimane a battagliare per la posizione con Rossi per qualche giro. Liberato di Vale, il leader del campionato rimette la sua Honda davanti a tutti, con Valentino che anche lui sorpassa Lorenzo, provando a giocarsi la vittoria con Marquez ma perde l’anteriore al tornante. Quindi Valentino Rossi abbandona il Gran Premio nipponico e abbandona anche le sue ultime piccole possibilità del decimo titolo mondiale. Cadute nelle fasi iniziali anche per Laverty, Miller e Barbera.

A metà gara Marquez e Lorenzo stanno tranquilli in prima e seconda posizione, mentre Dovizioso e A.Espargaro lavorano per prendere lo spagnolo della Yamaha e lottare per il podio. Cal Crutchlow invece perde ancora sulle Suzuki, con la sua strategia con gomme hard all’anteriore che non funziona come l’inglese della LCR Honda avrebbe pensato. Indietro c’è anche una lotta tra le Ducati Pramac e le Aprilia Gresini intorno alla nona e decima posizione, con Bautista e Petrucci davanti ai loro compagni di squadra.

Finale che decide il campionato in modo definitivo: Marquez è tranquillo in testa, ma Lorenzo deve tenere dietro la Ducati di DesmoDovi mentre Vinales riesce a superare un Aleix Espargaro che è in crisi di gomme. A pochi giri dalla fine, un Jorge in crisi di gomme perde l’anteriore, va sulla ghiaia e si ritira. Un disastro per la Yamaha, che dovrà lavorare per mettere a posto la sua YZR-M1 e lottare con la storica rivale Honda nel 2017. Ma non solo, con la caduta di Jorge Lorenzo, Marc Marquez è campione del mondo con 3 gare d’anticipo.

Quindi bandiera a scacchi ed è festa grande al box Honda, Marc Marquez vince gara e il suo quinto titolo iridato, sul podio ci vanno la Ducati di un grande Dovizioso e la Suzuki di Vinales, quarto Aleix Espargaro, Crutchlow chiude quinto, sesta posizione per Pol Espargaro, settima l’Aprilia con Alvaro Bautista, poi le Ducati Pramac di Petrucci e Redding in ottava e nona posizione, a chiudere la Top 10 l’altra Aprilia di Bradl.

Anche il titolo MotoGP è deciso dunque. I nostri complimenti a Honda ma soprattutto a Marc Marquez per il suo quinto titolo iridato!