Formula 1: dall’ Australia dischi frenanti con 1480 fori e pinze più leggere!

Ferrari SF71-H

Grazie all’esperienza accumulata in 43 stagioni di Formula 1, nel corso delle quali le monoposto con freni Brembo hanno conquistato 25 Campionati del Mondo Piloti e 28 Campionati del Mondo Costruttori, Brembo ha realizzato sistemi frenanti personalizzati per ciascuna scuderia.

L’introduzione di una nuova ala su tutte le monoposto, più semplice e con meno carico all’anteriore, produrrà un aumento di velocità delle vetture e frenate tendenzialmente più lunghe, comportando una leggera riduzione della coppia frenante a terra e allo stesso tempo un aumento delle energie da smaltire.

Per garantire maggiore sicurezza e migliori performance, Brembo ha mantenuto i valori di coppia limite, utilizzati ai banchi statici e dinamici, sostanzialmente sugli stessi livelli del 2018, quando il carico aerodinamico era sicuramente maggiore. L’aumento delle energie in gioco, seppur contenute, si traduce in un incremento delle temperature degli impianti frenanti.

Per ovviare a questo problema, dallo scorso anno Brembo ha migliorato la ventilazione dei dischi: ciascun disco dispone di quasi 1.500 fori di ventilazione nelle versioni più estreme.

La maggior parte delle monoposto utilizzerà dischi da 32 mm di spessore all’anteriore e dischi da 28 mm al posteriore. A seconda delle temperature previste durante il singolo Gran Premio e della specifica strategia di gara, ciascun pilota potrà optare fra tre diverse soluzioni di dischi Brembo: prendendo come riferimento l’impianto anteriore si hanno l’opzione medium cooling con 800 fori, high cooling con 1.250 fori e very high cooling con 1.480 fori.

Gli ingegneri Brembo stanno inoltre lavorando per fornire a tutti i team un’opzione di disco dal diametro più piccolo al posteriore, possibilità da utilizzare nei circuiti light e meno stressanti per l’impianto frenante, come Le Castellet o Silverstone, affinché si possano ottimizzare le performance del carbonio.

 

 

About the Author

Luigi Gabriele Gueli
Classe 1996', studente di Ingegneria Aerospaziale che nutre sin da bambino la passione per le 4ruote e gli aerei.