Ducati a due facce dopo i test: Davies KO, Bautista fiducioso

Il team Aruba.it Racing - Ducati può essere felice a metà al termine degli ultimi test europei

Anche gli ultimi test europei che precedono il weekend australiano sono andati in archivio. Sono state giorante davvero importanti per il team Aruba.it Racing – Ducati, alle prese con lo sviluppo della nuova Panigale V4 R, ma non tutto è andato secondo i piani.

Se per Alvaro Bautista, neoacquisto della casa emiliana, tutto è andato nel migliore dei modi, con tanti giri percorsi e miglioramenti costanti, lo stesso non si può dire per Chaz Davies, ancora convalescente dalla pesante caduta di Jerez.

L’esordio del pilota di Talavera de la Reina a Jerez è stato più che promettente, concludendosi nel migliore dei modi a Portimao, dove ha conquistato il terzo crono nella classifica combinata. “Queste quattro giornate sono state davvero positive per noi. A Jerez mi sono concentrato per cercare il feeling con la moto ma abbiamo anche provato alcuni pezzi che la Ducati ha introdotto durante l’inverno per aiutarmi a trovare la miglior posizione di guida possibile”. Ha dichiarato Alvaro. “Il secondo giorno invece, avendo delle migliori condizioni dell’asfalto, ho potuto confermare le prove fatte il giorno prima e mi sono sentito a mio agio sulla moto. Adesso posso dire di iniziare a guidare a modo mio”.

“Phillip Island è una pista che conosco bene e che mi piace molto. L’ultimo test invernale sarà davvero importante per trovare il setup migliore e arrivare in gara preparati”.

I test del compagno di box gallese sono invece ‘terminati’ a Jerez. Portimao è stata una prova molto dura per Chaz, visibilmente provato dopo la terribile botta rimediata in Spagna, dove la sua V4 R è andata distrutta. Conseguenza sono stati i pochissimi giri percorsi in terra portoghese ed un distacco piuttosto corposo dalla vetta.

“Sono stati davvero due giorni estenuanti per me in tutti i sensi! A livello fisico non sono ancora completamente guarito dalla contrattura muscolare che ho rimediato alla schiena nel test di Jerez, quindi non mi sentivo ancora a mio agio sulla moto”. Ha dichiarato il ducatista al termine dell’ultimo turno. “In ogni caso sono contento di aver concluso i test perché pensavo che non sarei stato in grado di girare”. 

I piloti del team italiano torneranno in pista per l’ultimo test della pre-season in programma il 18-19 Febbraio, ma prima saranno sul palco della sede Aruba, dove avverrà la presentazione della squadra, in programma lunedì 4 Febbraio.