In Gara1 a Misano trionfa Jonathan Rea!

La corsa per la vittoria si è conclusa praticamente alla prima curva, con Rea che ha subito messo le gomme davanti a quelle del compagno di squadra e poleman Tom Sykes. Da lì è iniziata la fuga solitaria verso la vittoria, terminata con ben secondi di vantaggio sul secondo classificato.
Adesso la classifica mondiale parla chiaramente di Rea a +80 su Davies. Una distanza siderale per il pilota che ha il numero 7 sul cupolino.

Seconda posizione per il ducatista Chaz Davies, partito benissimo dalla settima piazzola della griglia di partenza e autore di ottimi sorpassi.

Buon terzo posto di Eugene Laverty, bravissimo a conservare la posizione di partenza nonostante la risalita di Davies. L’irlandese ha certamente beneficiato del calo di prestazioni di Tom Sykes, quinto al traguardo.

Quarta posizione per Michael van der Mark, che ha recuperato ben sette posizioni rispetto alla sua undicesima posizione conquistata in qualifica.
Sesta posizione per Xavi Fores, che partiva dalla quarta posizione. Il pilota della Ducati messa in pista dal team Barni è stato ancora una volta bravissimo a massimizzare e a capitalizzare il risultato. Lo spagnolo conquista ancora una volta il trofeo come miglior pilota di un team privato.

Settimo Marco Melandri, che ha recuperato una sola posizione rispetto alla partenza. Marco era stato sopravanzato da Savadori, ma ha restituito il favore al penultimo giro con un gran sorpasso.

Dietro Melandri, troviamo Lorenzo Savadori in sella alla sua Aprilia RSV4 del team Milwaukee. Il cesenate partiva dalla quinta posizione e si è difeso strenuamente dai sorpassi dei rivali. Purtroppo però, la sua difesa ha avuto scarso successo.

Chiudono la top ten Camier e Marcado, seguiti dal giovane Razgatioglu e da Nicolò Canepa, wild card in questo evento.

Chiudono la classifica degli arrivati al termine della gara Ramos, Gagne, Andreozzi, Jacobsen, Rinaldi e Torres.

Da segnalare i problemi avuti da Rinaldi, con l’italiano che è anche rientrato ai box per capire se necessitava della sostituzione del pneumatico anteriore.

Finisce alla prima curva la gara di Baz, che aveva fatto un’ottima qualifica.

All’ottavo giro termina la gara dello sfortunato Lowes, che cade rovinosamente con la sua Yamaha R1. Un vero peccato per il britannico, che con questa caduta pone fine alla sua striscia positiva di risultati.