Keep an eye on…Maximilian Scheib

Maximilian Scheib è stato annunciato come pilota del team Nuova M2 Racing per il Campionato Europeo Superstock 1000 2017. Maxi guiderà una Aprilia RSV4 messa a disposizione dal team di Enzo Chiapello e non si può certo dire che se la sia presa con la cosiddetta “valigia”. Basta guardare i traguardi raggiunti da questo ragazzo di Santiago de Chile negli ultimi due anni per capire che è un pilota da tenere d’occhio.

Nel 2015 Maxi partecipa al Campionato Argentino Supersport vincendolo a mani basse grazie a sei vittorie, tre secondi posti e un terzo posto ottenuti in dodici gare. Nello stesso anno inizia la stagione nel CEV Moto2 ottenendo cinque piazzamenti a punti in sei gare, ma prima del terzultimo round arriva la svolta: il cileno cambia categoria e passa al CEV Superbike prima del terzultimo round di Navarra e, con la BMW del team Easyrace SBK, ottiene quattro secondi posti in cinque gare e termina il campionato settimo nonostante abbia disputato meno della metà delle gare rispetto agli altri piloti.

Quello successivo è l’anno con cui Maxi si fa notare a livello internazionale. Il pilota di Santiago de Chile partecipa come wildcard al round inaugurale della Superstock 1000 FIM Cup 2016 e ottiene un nono posto che fa da preludio alla sua ottima stagione nel CEV Superbike: secondo posto in campionato dietro solo al veterano Carmelo Morales con tre vittorie, sei secondi posti e un terzo posto ottenuti in undici gare. L’apice arriva, però, prima della conclusione del CEV: Maxi prende parte come wildcard all’ultimo round della Superstock 1000 e ottiene la pole position con un tempo di ben sette decimi inferiore a quello di Roberto Tamburini (qualificatosi secondo) per poi dominare la gara prima di essere ripreso da Lucas Mahias e dar vita a una bella battaglia col fortissimo pilota francese, che alla fine è però costretto ad arrendersi al cileno.

Tutto questo non può che lasciar ben sperare per il futuro di Maximilian Scheib, il fenomeno venuto dal Sud America per diventare grande e portare la bandiera del Cile sul tetto del mondo.