Leon Haslam: “Rea ha fatto la differenza”

In lotta per il podio fino alla fine, Leon Haslam ha dovuto fronteggiare alcuni problemi riguardanti i freni che gli hanno impedito di effettuare i sorpassi

Poteva andare meglio, ma tutto sommato anche peggio a Leon Haslam, rimasto fino all’ultimo in lotta per il podio. Anche il pilota della Kawasaki è stato favorito dai problemi che hanno impedito a Davies e Sykes di terminare la corsa ed è rimasto in lotta fino alla fine per una delle prime tre posizioni.

Una volta arrivato a ridosso di Razgatlioglu e Van Der Mark, però, sono cominciati i problemi: “Non riesco a fermare la moto. Ad Aragon questi problemi erano stati risolti e questa mattina pensavamo di avere fatto uno step in avanti. Sono riuscito a chiudere il gap in gara da Mike e Toprak, ma non riuscivo a sorpassare. Io devo staccare in anticipo, Jonathan è molto migliore di me in fase di frenata. La velocità è buona, non abbastanza per il podio, perché non riesco a sorpassare”.

Continuano dunque le problematiche in fase di staccata per Haslam: “Devo frenare prima degli altri, quando sono in gruppo non è l’ideale. Da solo riesco a fare invece il mio ritmo, infatti sono riuscito a recuperare il distacco che avevo da Mike e Toprak”.

Leon non sembra riuscire a trovare un weekend senza intoppi: “Ad Assen le gomme sono state il problema, non i freni. Ad Aragon siamo riusciti a trovare una soluzione e tra Gara 1 e Gara 2 sono stato più veloce, speriamo di riuscire a fare lo stesso pure domani”

La differenza tra lui e il compagno di squadra è evidente, con Haslam molto onesto a riguardo: “Lo stile di Jonathan è molto buono, il odo in cui gestisce l’entrata, le impennate, è davvero molto forte. Già ai tempi in cui eravamo compagni di squadra in Honda ricordo fosse bravo. Chaz era davvero molto veloce questo fine settimana, per Alvaro questa poteva essere una pista difficile rispetto alle altre e il vantaggio che ha nei rettilinei qua si sente meno. Jonathan invece ha fatto altamente la differenza”