SBK Imola SP Race: Rea bissa il successo di Gara 1 davanti a Davies!

Condizioni incerte fino all’ultimo per la Superpole Race, con i piloti che sono scesi in pista con gomme slick dopo un Warm Up bagnato, nonostanta qualche chiazza lungo la pista

Jonathan Rea, dopo il successo di gara 1, fa sua anche la Superpole race, senza dominare però in questa occasione. Il campione del mondo ha avuto la meglio su uno straripante Chaz Davies che gli ha dato filo da torcere fino alla fine, mentre Alvaro Bautista si è dovuto accontentare della terza posizione.

Nonostante un Warm up bagnato che faceva presagire ad una gara sull’acqua, la pista si è progressivamente asciugata nel corso della mattinata, “costringendo” di fatto tutti i piloti a montare le gomme da asciutto nonostante ci fosse ancora qualche chiazza sulla pista.

Alla partenza il 4 volte campione del mondo ha provato a ripetere la stessa strategia attuata in Gara 1, ovvero attaccare Daviese cercare di imporre il proprio ritmo. Il piano è riuscito a metà, dal momento in cui Jonathan è riuscito a prendere il comando delle operazioni solo dopo un errore del britannico della Ducati all’ultima variante e non lo ha più mollato fino alla fine.

Le ha provate tutte il numero 7, il quale ha dovuto anche avere la meglio sul compagno di squadra, che a sua volta ha approfittato della sbavatura del compagno di box. Chaz è riuscito ad attaccare lo spagnolo al giro 6 e si è lanciato in un inseguimento forsennato nel quale è riuscito a far stampare anche il nuovo record di gara, strappandolo proprio a Rea che lo aveva fatto segnare proprio ieri in Gara 1.

Un risultato che può comunque soddisfare il gallese dopo la sfortunatissima Gara 1 in cui avrebbe forse potuto lottare con Jonathan Rea, quantomeno concludere sul podio, opportunità vanificata tuttavia da un problema elettronico patito subito durante il primo giro che lo ha estromesso dalla corsa.

Alvaro Bautista si è così dovuto accontentare della terza posizione dopo l’attacco di Davies e ha limitato semplicemente i danni, conservando comunque il vantaggio in classifica mondiale rispetto al suo diretto concorrente.

Michael Van Der Mark questa volta è riuscito invece ad avere la meglio su Toprak Razgatlioglu dopo una bella battaglia che li ha visti protagonisti insieme ad Alex Lowes e Leon Haslam. L’olandese tra il sesto e il settimo giro è riuscito ad accumulare il margine necessario per arrivare quarto indisturbato, mentre il compagno di suqadra ha dovuto avere la meglio su Haslam e Razgatlioglu, concludendo 5° con una gara decisamente migliore rispetto a quella del sabato.

Il duello tra pari marca invece se lo è aggiudicato Leon Haslam, che a pochi giri dal termine ha sferrato l’attacco su Razgatlioglu, ieri 3°, per conquistare la 6° posizione.

Ottima la rimonta di Tom Sykes, partito dalla pit lane con una gara tutta in salita,  giunto 8° al traguardo nonotante tutte le complicazioni. Buona anche la corsa del compagno di suqadra Markus Reiterberger, che chiude la top 10 avanti a Bridewell.

La Superpole race non ha invece sorriso ai colori italiani: Lorenzo Zanetti è il primo dei piloti tricolore in 12° posizione, mentre Michael Ruben Rinaldi ha concluso 15° conquistando comunque un punticino. E’ andata peggio a Marco Melandri, che dopo il 6° posto in risalita di gara 1 ha terminato la propria gara in 17° piazza, davanti solo ad Alessandro Del Bianco, che certamente avrebbe preferito la pioggia dopo un buon Warm Up.