SBK: SMR-BMW è fatta! Sykes e Reiterberger saranno i piloti. Laverty furioso

La casa bavarese ritorna a vestire i colori del team di Muir. A guidare la S1000RR saranno Reiterberger e Sykes. Appiedati Laverty e Savadori

Il ritorno di fiamma tra BMW e la compagine di Muir è finalmente realtà. Il team inglese dal 2019 sarà equipaggiato con due nuovissime S1000RR e con un supporto tecnico considerevole da parte della casa tedesca.

Line-up rivoluzionaria per il team, che ha deciso di puntare su due piloti diversi, ma entrambi molto veloci e talentuosi. A guidare le moto di SMR saranno il neo campione della Stok1000 Markus Reiterberger e Tom Sykes, in uscita da casa Kawasaki. Piloti differenti, ma entrambi con l’obiettivo di riportare BMW in alto, potendo contare e disporre del supporto della casa tedesca.

Fiducia nel progetto da parte di Tom Sykes che con Speedweek ha messo in evidenza la validità della moto, ricordando i risultati ottenuti in passato dalla casa bavarese: “Marco Melandri ha combattuto per il titolo mondiale con questa motocicletta, in Stock ha ottenuto risultati impressionanti”. “Non credo che sia un rischio”, ha aggiunto l’inglese riguardo alla sua scelta.

Se per Sykes e Reiterberger sono finite le discussioni per trovare una sistemazione, lo stesso non si può dire per Laverty e Savadori, già liberati da mesi da SMR ed ancora in cerca di una sella. Entrambi stanno bussando in casa Honda, l’unica a non aver definito ancora i piani per il 2019, ma le possibilità di vederli al via con la Fireblade dalla prossima stagione sono davvero basse. Comprensibile la rabbia di Eugene Laverty che si è visto soffiare la sella da un Tom Sykes, protagonista di una stagione decisamente sottotono rispetto alla sua. Il pilota irlandese però non getta la spugna continuando a spingere e provando a dimostrare che la Superbike ha ancora bisogno di lui!